Deputazione di storia patria per l’Umbria

 

La Deputazione

La Biblioteca

Home

Le pubblicazioni

Pubblicazioni on line

 

sandro tiberini, repertorio delle famiglie e dei gruppi signorili nel perugino e nell'eugubino tra xi e xiii secolo

 

 

 

 

 

 

93

 

 

Domini di S. Biagio

 

Perugia

 

 

 

                                                               Guido

                                                              q.1277

                                                                    |

                                                                    |

                                                              Rogerio

                                                          <1274-1286>

                                                                    |

                                                __________|__________

                                               |                                         |

                                               |                                         |

                                          Guido                          Guizardo/Rizardo

                                    <1274-1281>                     <1274-1286>

 

 

 

- Si hanno notizie di questo nucleo familiare soprattutto in relazione alle vicende collegate alla prigionia dei membri conosciuti di essa nelle carceri di Carlo d'Angiò, rimanendo comunque oscuro il motivo di questa detenzione.

 

 

93.1 - 1274. Il Consiglio speciale e generale perugino delibera di chiedere a re Carlo d'Angiò la liberazione dei figli di d. Rogerio, cittadini perugini, da lui detenuti in carcere (RIFORMANZE 7, cc. 130v-131r).

 

93.2 - 1277. Il detto Consiglio si occupa ancora della scarcerazione di Guido e Guizardo, figli di d. Rogerio d. Guidonis de S. Blaxio: a tale proposito delibera di nominare una commissione di sapientes per decidere sulle garanzie richieste da Carlo d'Angiò riguardo ai detti; la delibera dei sapientes [quale?] viene fatta propria dal Consiglio. Esso successivamente concede a Rogerio un ambasciatore per trattare la liberazione dei suoi figli (RIFORMANZE 8, cc. 146rv, 183r, 183v-184r, 9, 182rv).

 

93.3 - 1277. Guido e Rizardo d. Rogerii q.d. Guidonis de S. Blaxio, cives perusini, scarcerati da re Carlo su richiesta del comune di Perugia, promettono, insieme al padre loro, al podestà e al suo notaio, riceventi a nome del re, di non rientrare mai più nel regno e di non danneggiare il re medesimo. Guido e Rizardo sono minori di 25 anni. Garantiscono per loro d. Andrea di d. Ugolino e Thomaius [così] di d. Perone, ambedue della parr. di S. Antolinus, e Rainuccio di d. Nercolo* e Iacopello di Zonolo, ambedue della parr. di S. Maria dei Francolini (PODESTÀ 1277 [10 c], reg. 3, c. 9v).

*La presenza di Rainuccio di d. Nercolo, i cui legami con S. Biagio della Valle sono documentati (ved. scheda Nercoli, 73.22, 73.23, 73.48), tra i fideiussori può far pensare ad un rapporto di parentela o anche di alleanza.

 

93.4 - 1279. Venzius de Ramazano riceve dal giudice del capitano l’intimazione quod hodie ad tertiam sit coram dicto iudice ad videndum iura testium d. Rozerii de S. Blasio. Due giorni dopo, a sua volta, d. Rozerius de S. Blasio stetit et presentavit coram dicto iudice…in mane et sero usque ad campanam pulsatam…et presentavit… testes suos quos vult producere in placito quod habet cum Venzo de Ramazano (CAPITANO 1279-80 [5 b], reg. 6, cc. 5r, 5v).

 

93.5 - 1281. Il Consiglio speciale e generale delibera che il capitano e gli ambasciatori che devono recarsi a Roma per incontrare re Carlo d'Angiò, lo ringrazino per aver scarcerato su richiesta del comune i figli di d. Rogerio de S. Blaxio e lo preghino di restituire a quest'ultimo suam gratiam et bona volluntatem (MISCELLANEA 7, c. 73r).

 

93.6 - 1281. Tra i milites di Porta S. Pietro andati in servitio hominum Civitatis Castelli, vi è d. Ruggero de S. Blasio, che riceve dal comune di Perugia 18 libre e 15 soldi per un servizio di 15 giorni a 25 soldi al giorno (DIPLOMATICO, V  3   291).

 

93.7  1286. D. Ruggero de S. Blasio deve avere dal comune di Perugia:

18 libre e 10 soldi pro residuo et suplemento extimationis unius sui equi venditi pro comune;

22 libre pro XVI mensibus quibus retinuit equum de numero sexcentum, quia dictus equus fuit extimatus tantum XXX libris denariorum;

110 soldi per undici giorni di servizio militare prestato con un cavallo in cavalcata contra Fulgineum

20 soldi, a nome di suo figlio Riccardo,  pro vice promissionis quam fecit in equo Craoli Mafei (MASSARI 23 c, c. 39v).

 

93.8 - 1333. Nel Libro Rosso si trovano menzionati Ninus, Vagnozzus et Venciolus d. Riciardi habitatores in villa S. Blaxii de Valle (FABRETTI, p. 113)

 

 


 

94

 

 

Domini di S. Valentino

 

Perugia

 

 

 

 

                          (Guidotto)                                                  (Boninsegna)

                                  |                                                                    |

                                  |                                                                    |

                            Renaldo                                                      Tommaso

               <1118-anni ’70 del secolo XII?>                         <1237-1285>

                                  |                                                                    |

                                 ?                                                __________|_________

                                  |                                               |                                       |

                          Girardino                                        |                                       |

                       <1180-1189>                               Angelo                           Tudinello

                                                                       <1257-1287>                         1273

                                                                                  |

                                                         ____________ |_______________

                                                        |                         |                              |

                                                        |                         |                              |

                                           Andruccio/Macius      Lello               Zolus Avultrone

                                                    1282                   1286                <1286-1287>

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                Aldovrandino

                              (Atto)                                                                             q.1267

                                   |                                                                                      |

                     _______|_______                                                                        |_____________

                    |                             |                                                                       |                          |

                    |                             |                                                                       |                          |

          Iohannectus             Marcuccio                                                        Munaldo             “eredi”

          <1261-1285>        <1261-1262>                                                  <1256-1299>           1260

                                                                                                                           |

                                                                                           ________________|_____________

                                                                                          |                       |                   |               |

                                                                                          |                       |                   |               |

                                                                                  Iacopello             Maso       Rainuccia   Fronda

                                                                             <1277-1286>   <1267?-1286>   1277         1277

 

 

 

 

                                                                                                     (Egidio)

                                                                                                           |

                                (Ranaldo)                                                           |_______?________

                                        |                                                                  |                                 |

                                        ?                                                                 |                                 |

                                        |                                                                  |                                 |

                                Uguccione                                                   Gualfredo                   Ranaldo

                              <1261-q.1279                                             <1223-1230>                  1261

                                        |                                                                   |

                      _________|_______?____                         _________|__?___   

                     |                      |                    |                       |                               |

                     |                      |                    |                       |                               |

               Contulo          "fratelli"   Giovanni         Elemosina                  Ranaldo

           <1276-1296> <1279-1285>   1289          <1255-1299>                  1263

 

 

 

 

 

                                                             Rainerio

                                                              q.1268

                                                                    |

                                      _______________|_______________

                                     |                                                             |

                                     |                                                             | 

                               Filippo                                                  Ranaldo

                         <1260-1268>                                     <1260/61?-1288>

                                                                                                   |

                                                                                                   |_________________

                                                                                                   |                                  |

                                                                                                   |                                  |

                                                                                           Nicoluccio                    Masolo

                                                                                                1285                   <1286-1293?>

 

 

 

- Anche in questo caso, siamo in presenza di un raggruppamento signorile formato da più nuclei familiari accomunati da uno stesso predicato territoriale ma non uniti, almeno in apparenza, da legami di consanguineità e/o di affinità.

 

94.1 - 1118. Renaldus S. Valentini* è tra i testimoni della concessione a Girardino di Montalto da parte dell'abbate di S. Maria di Valdiponte delle proprietà del monastero nel poggio di Castiglione e al mercatale di Cerbasciano (DE DONATO I, n. 40).

*Si tratta del padre di Girardino?

 

94.2 - 1180. Girardino de Rainaldo è tra i testimoni alla sommissione di Città di Castello al comune di Perugia (CDP, p. 12).

 

94.3 - 1187. Girardino de Rainucio Guidotti* è tra i testimoni all'atto di vendita della contessa Maria a S. Maria di Valdiponte di terreni presso Rance (DE DONATO II, p. 74).

*Si identifica con Girardino di Rainaldo di S. Valentino?

 

94.4 - 1188. Girardino de Rainaldo S. Valentini è console (CDP, p. 23).

 

94.5 - 1189. Girardino de Rainaldo S. Valentini è tra i testimoni alla sommissione degli Ioncitani ed è console (CDP, pp. 28 e 30).

 

94.6 - [prima del 1218]. d. Prestabilis, cappellano di S. Angelo di Colognola e testimone a favore del monastero valpontese nella controversia tra esso e Guido Zaconis, nella sua deposizione afferma di aver visto gli homines che il monastero possedeva a Rance portare i tributi, tra gli altri, a Rainaldo de S. Valentino*. Si tenga presente che d. Prestabilis asserisce di essere da 40 anni titolare della cappellania, quindi i suoi ricordi possono risalire agli anni 70 del secolo XII (VALDIPONTE 1121. TIBERINI 1993, p. 63).

*Si tratta del “Renaldo” documentato nel 1118? La cosa sembrerebbe poco probabile, soprattutto per ragioni di cronologia.

 

94.7 - 1223. Gualfredo Gidii/Egidii S. Valentini è tra i capitanei militum che stipulano, a nome della loro pars que dicitur militum, i patti con Città di Castello (CDP, pp. 206 e 209).

 

94.8 - 1230. Gualfredo Egidii è consigliere (CDP, p. 245).

 

94.9 - 1237. D. Tommaso de S. Valentino è tra i testimoni della seduta consiliare in cui si delibera la cancellazione del lodo del 1217 col comune di Gubbio; è anche consigliere (CDP, pp. 368 e 381).

 

94.10 - 1245. D. Tommaso de S. Valentino è testimone ad un atto giudiziario (CDP, p. 444).

 

94.11 - 1250. D. Tommaso Boninsinie de S. Valentino fa quietanza a Riccolo di Rainuccio, sindaco della comunità della villa di S. Valentino, per la somma di 40 l., dovuta dal detto comune a Rainerio Spagliagrani, presente e consenziente (CDP, appendice II n. 20)*.

*Dubbi sull'autenticità di questo atto sono avanzati dal Bartoli Langeli (CDP, p. 699).

 

94.12 - 1251. D. Tommaso de S. Valentino è testimone ad un atto giudiziario (CDP, p. 501).

 

94.13 - 1255. Elemosina d. Gualfredi e d. Tommaso Bonensegne, per Porta S. Angelo, fanno parte di una commissione di sapientes finalizzata ad compositionem statutorum (ANSIDEI, p. 79).

 

94.14 - 1256. Risulta che d. Tommaso de S. Valentino è stato podestà di Spello (ANSIDEI, pp. 35, 40, 47).

 

94.15 - 1256. D. Munaldo de S. Valentino, avendo prestato al comune di Perugia 300 l., ne vuole abbonare 65 allo stesso comune pro remedio anime sui patris; il Consiglio speciale e generale delibera che di queste 65 l. 45 restituantur [a chi?] e le altre 20 si rendano a Munaldo (ANSIDEI, p. 65).

 

94.16 - 1257. D. Angelo d. Tomassi* è tra i testimoni alla sommissione di Tommaso di Compresseto (SOMMISSIONI 1, cc. 79v-80r. SOMMISSIONI 2, c. 158rv).

*Dovrebbe trattarsi del figlio di Tommaso di S. Valentino, successivamente documentato, e non di Tommaso di Compresseto, che non risulta aver figli di questo nome (ved. scheda domini di Compresseto, 34.).

 

94.17 - 1257. Tommaso de S. Valentino è tra i testimoni del lodo tra Orvieto e Todi, pronunciato dai rappresentanti del comune di Perugia (FUMI, p. 214).

 

94.18 - 1257. Giovannello Voioli di S. Valentino denuncia di essersi trovato insieme a d. Elemosina d. Gualfredi ad interficiendum Rainutium Alegrantis, in terra S. Valentini (BANDITI 458).

 

94.19 - 1259. Tommaso de S. Valentino e Munaldo de S. Vallentino sono eletti consiglieri (ANSIDEI, p. 245).

 

94.20 - 1259. Angelo d. Thomaxii di P. E. è uno dei cento consiglieri per Porta eletti nel dicembre dell’anno (ANSIDEI, p. 249)

 

94.21 - 1260. D. Tommaso de S. Valentino è due volte ambasciatore, fa parte di due commissioni di sapientes ed è consigliere; d. Munaldo de S. Valentino è anche lui consigliere e fa parte di una commissione di sapientes (ANSIDEI, pp. 103, 109, 114, 116, 119, 120, 174, 184, 196).

 

94.22 - 1260. D. Munaldo de S. Valentino è assolto dall'accusa di donna Maria Benvenute Ardine di averle sottratto alcuni terreni, avendo la donna lasciato cadere l'accusa, salvo iure proprietatis utriusque (RIFORMANZE 4, c. 187v).

- D. Tommaso de S. Valentino e d. Munaldo d. Bonifaci sono condannati a 100 soldi per essersi insultati in pieno Consiglio generale maggiore (Ivi, c. 343r).

- D. Tommaso de S. Valentino è tra i fideiussori di d. Andrea d. Tiverii e di Turlotto di d. Bonconte, che hanno subito pene pecuniarie (Ivi, cc. 358r e 359v).

- D. Tommaso de S. Valentino è condannato a 100 l. per aver falsamente accusato Bonagura di Zilio dello stesso luogo di essersi aggirato in città di notte e con armi proibite; garantiscono per Tommaso d. Armanno di Suppolino e d. Capitone di Giovanni (Ivi, c. 365r).

- D. Munaldo de S. Valentino è tra i fideiussori di d. Bonconte di d. Ermanno Comitis, condannato a 10 l. per aggressione (Ivi, c. 370r).

- D. Tommaso de S. Valentino è tra i consiglieri condannati all'ammenda di un fiorino per aver parlato durante una seduta consiliare, contro il divieto del podestà (Ivi, c. 379r).

 

94.23 - 1260. D. Angelo d. Thomassi de S. Valentino è condannato a 25 l. occasione rixe seu mesclantie facte in terra S. Valentini (BANDITI, n. 611).

 

94.24 - 1260. D. Filippo d. Ranerii [di S. Valentino] paga la pensio alla canonica perugina  per un casalino nella parr. di S. Maria del Verzaro (CENSI 2, c. 37v).

 

94.25 - 1260. Tra i confinanti di due terreni nelle pertinenze di S. Valentino, Munaldo d. Aldrebandini/d. Aldrovandini e gli eredi di Aldobrandino (CENSI 2, cc. 16r e 77r).

 

94.26 - 1261. Iohannectus d. Atti de villa S. Valentini è condannato a 25 l. per aver insultato e ferito, insieme a Marcuccio d. Atti [suo fratello?], don Angelo, priore di S. Montano della detta villa (BANDITI, n. 759).

 

94.27 - 1261. D. Uguccione de S. Valentino (P. S., parr. di S. Severo de Monte) è allibrato per un estimo totale di 2616 l. ed ha terreni nelle pertinenze di S. Valentino, S. Biagio della Valle, Cerqueto, Spina, Monte Sperello. Tra le sue proprietà, oltre a due casalini, uno nel castello di S. Valentino e un altro nel burgus del castello stesso, ha due altri casalini a Monte Sperello e la sesta parte silvarum et pratorum et omnium comunantiarum Montis Sporelli. Sono anche assegnati vari suoi homines, con i terreni che coltivano. Tra i confinanti delle proprietà, d. Ranaldo Gilii [di S. Valentino]*, d. Munaldo Aldrovandini, d. Tommaso (CATASTI 1, cc. 115v-118r).

*Fratello di Gualfredo di Egidio?

 

94.28 - 1261. D. Munaldo d. Aldrebandini è tra i testimoni a due atti di quietanza rilasciato al comune di Perugia (DIPLOMATICO IV 8 60. BARTOLI LANGELI 1969, pp. 439 e 442).

 

94.29 - 1262. Il podestà ordina agli homines S. Valentini tra cui, nominato per primo, Tommaso Boninsinie, ut recipiant pecuniam a d. Tancredo de terra quam vendiderunt, ad terminum eis [….?, manca la conclusione] (PODESTÀ 1243-62 [2], c. 184r).

 

94.30 - 1262. D. Munaldo S. Valentini e d. Bonconte Bonaventure ricevono dal podestà l’ingiunzione ut debeant expurgari viam que pretenditur ad domum d. Ranerii d. Bonaventure (PODESTÀ 1243-62 [2], c. 186r).

 

94.31 - 1262. Vengono convocati dal podestà d. Lemosina S. Valentini e Iohannectus Atti de S. Montano*, insieme ai sindaci di S. Enea e S. Elena. Successivamente, Marcholus [?] d. Atti de S. Valentino è tra i convocati dal podestà per difendersi dall’accusa di estrazione illecita di grascia (PODESTÀ 1243-62 [2], cc. 188r, 191v, 192r).

*Espunto: “Valentini

 

94.32 - 1262. D. Elemosina d. Gualfredi (P. S. A.) è tra coloro che sono multati a causa dei loro porci, trovati liberi per le strade della città (PODESTÀ 1243-62 [2], c. 244v).

 

94.33 - 1262. D. Elemosina d. Gualfredi è tra i fideiussori di d. Crispolito e di suo figlio Orlandino, condannati per l'uccisione di un bailo del comune (PODESTÀ 1243-62 [2], c. 275v).

 

94.34 - 1262. Raccolta di testimonianze nell'ambito di un procedimento di ufficio aperto dal podestà per estrazione di grascia dai territori di S. Valentino, S. Enea, Morcella, Marsciano; tra gli inquisiti d. Elemosina d. Gualfredi de S. Valentino La grande maggioranza dei testimoni di S. Valentino depone di non saper nulla; solo alcuni dicono di essere a conoscenza per sentito dire che d. Elemosina ha estratto grascia (PODESTÀ 1243-62 [2], cc. 351v-357v).

 

94.35 - 1263. D. Ranaldo Gualfredi* e Rigo di d. Orlando accusano la comunità di Villanova de Materno di cospirazione nei confronti della famiglia dello stesso Rigo (PODESTÀ 1243-62 [2], c. 164r).

*È fratello di Elemosina di S. V.?

 

94.36 - 1263. D. Lemosina de S. Lalentino [così] è testimone ad un atto giudiziario (SBANDITI 2, c. 218r).

 

94.37 - 1264. D. Ranaldo d. Rainerii [di S. V.], anche anome del fratello Filippo, paga alla canonica perugina la pensio di un denaro per una casa nella parr. di S. Maria del Verzaro (CENSI 2, c. 74r).

 

94.38 - 1265. D. Angelo d. Thomassi de S. Valentino è condannato a 10 l. per non aver pagato un debito di 10 l. (SBANDITI 2, c. 70v).

 

94.39 - 1266. D. Tommaso de S. Valentino è consigliere (RIFORMANZE 6, c. 36v).

 

94.40 - 1266. D. Munaldo d. Aldrevandini de S. Valentino è tra i consiglieri che vengono multati per aver parlato nel Consiglio maggiore, contro il divieto del podestà; è anche fideiussore di alcuni uomini de Passiiano trovati in possesso di cultellum malitiosum (PODESTÀ 1265-66-67 [4], cc. 85v-86r, 87rv).

 

94.41 - 1266. D. Tommaso Boninsegne de S. Valentino è condannato a 10 l. per porto di coltello proibito (PODESTÀ 1265-66-67 [4], c. 134v).

 

94.42 - 1266. D. Elemosina de S. Valentino ottiene licenza di portare armi difensive; per lui garantisce Armanno di d. Enrico di Ascagnano. A sua volta, Elemosina d. Gualfredi garantisce per il detto Armanno e per Manzarellus di maestro Giovanni della villa di S. Valentino, che ottengono analoga licenza.

Anche Munaldo de S. Valentino ottiene la medesima autorizzazione; garantisce per lui d. Iacominus Iacobi Aczolini (PODESTÀ 1265-66-67 [4], cc. 269v, 270r, 272r, 273r).

 

94.43 - 1267. D. Munaldo q.d. Aldrevandini de S. Valentino accusa varie persone di aver aiutato ad evadere dal carcere perugino Balio di Gotefredo, detenuto occasione maleficii commissi in personam dompni Tribaldi prioris de Pozale. Lo stesso Munaldo accusa alcune delle dette persone di aver estratto bladum per portarlo a Todi (CAPITANO 1258-67 [2], cc. 120v-121v).

 

94.44 - 1267. D. Ranaldo de S. Valentino è tra i testimoni ad un atto giudiziario (SBANDITI 2, c. 268v).

 

94.45 - 1267. Andrea Iacobi de Rosiano è citato per un debito di 10 libre, a petizione di Massolo d. Munaldi* (SBANDITI 2, c. 273v).

*Figlio di Munaldo di S. Valentino?

 

94.46 - 1268. La canonica di S. Lorenzo di Perugia dà in enfiteusi a Filippo olim d. Rainerii de S. Valentino un casalino nella parr. di S. Maria del Verzaro; l'entratura è di 10 fiorini d'argento, il canone annuo di un denaro; lo stesso Filippo paga la pensio per un altro [?] casalino nella stessa parrocchia (CENSI 2, cc. 10r e 24r).

 

94.47 - 1268. D. Munaldo de S. Valentino è membro del Consiglio speciale e generale perugino e fa parte, insieme a d. Tommaso de S. Valentino, di un gruppo di sapientes riuniti insieme ai consules mercatorum per ascoltare la petizione dell’abbate di S. Salvatore di Monte Acuto a favore dei suoi fratelli, qui dicuntur de Fossato (RIFORMANZE 6, cc. 225r, 271v-272v).

 

94.48 - 1268. D. Munaldo Aldebrandini è tra i testimoni ad alcuni atti giudiziari. Lo stesso Munaldo risulta aver denunciato un suo famulus, Bentivenga de Castello, di aver rotto il contratto con cui si impegnava a servirlo per un anno, e di averlo derubato (SBANDITI 2, cc. 260r, 261v, 262v, 263v).

 

94.49 - 1269. D. Munaldo d. Aldrebandini de S. Valentino è tra i confinanti di un terreno nelle pertinenze di S. Valentino a Sepibus de Ronzone (CENSI 2, c. 34r).

 

94.50 - 1269. D. Tommaso d. Boninsigne accusa Guido di Scagno di S. Valentino di aver rotto il patto che aveva stretto con lui di servirlo per 10 anni; Guido viene assolto quia non est probatum (CAPITANO 1263-73 [1], reg. 3, c. 136r).

 

94.51 - 1271. Angelo d. Thomasii, de parochia S. Valentini, è fideiussore in un procedimento penale (PODESTÀ 1271-72 [6], c. 4r).

 

94.52 - 1272. D. Tommaso de S. Valentino è tra i fideiussori di Guglielmo e Gentiluccio del q.d. Enrico di Ormanno di Tebaldo, condannati a 30 l. per aggressione (PODESTÀ 1271-72 [6], c. 95v).

 

94.53 - 1272. D. Elemosina d. Gualfredi e d. Rainaldo d. Raynerii sono tra i fideiussori della comunità di S. Valentino, condannata a 500 l. per non aver consegnato agli uomini di Pila due malfattori (PODESTÀ 1271-72 [6], c. 78v).

 

94.54 - 1273. Tudinello Thomasii subisce una condanna a 50 l. per aver aggredito cum cultello, spontone et tavolacio un tale Giovanni nelle pertinenze di S. Valentino e S. Montano; per quest'ultima condanna garantisce per lui d. Angelo di d. Tommaso di S. V. (PODESTÀ 1270-73 [5], c. 55r).

 

94.55 - 1273. D. Elemosina Gualfredi è condannato a 10 l. per non aver risposto ad una citazione per un debito non specificato con Paolo di Uguccione cardator (PODESTÀ 1270-73 [5], c. 67r).

 

94.56 - 1273. D. Munaldo e d. Tommaso de S. Valentino sono consiglieri; d. Munaldo è autorizzato dal Consiglio speciale e generale ad accettare la podesteria di Nocera (RIFORMANZE 7, cc. 75v, 96v, 100rv).

 

94.57 - 1276. D. Munaldo Aldobrandini de S. Valentino compare per due volte nel consilium sapientium credentie ed è ambasciatore (RIFORMANZE 8, cc. 1v, 3r. MISCELLANEA 1, c. 44r).

 

94.58 - 1276. Ranaldo de S. Valentino (P. S. A.) e Contulo d. Uguitionis (P. S.)* sono tra i milites che devono partecipare alla spedizione contro il marchese di Montemigiano e Trevi (MISCELLANEA 1, cc. 62v e 67v).

*Da non confondersi con il suo omonimo di Ramazzano, abitante in P. S. S. .

 

94.59 - 1276. Il Consiglio speciale e generale delibera di nominare un sindaco per appaltare a d. Munaldo de S. Valentino le terre di Colle; successivamente si decide di rilasciare allo stesso quietanza per la somma da lui versata per le comunanze di Colle (RIFORMANZE 3, cc. 70r e 71r. RIFORMANZE 8, 106r e 120v).

 

94.60 - 1276. Il podestà propone al Consiglio speciale e generale del comune di Perugia si placet dare licentiam domino Munaldo de S. Valentino recipiendi capitaneatum Castri Plebis usque ad kallendas madii in qua ellectus fuit (RIFORMANZE 3, c. 25v).

 

94.61 - 1277. Nella seduta di una commissione di sapientes si menziona una non meglio specificata discordia tra d. Munaldo de S. Valentino e Iacobus d. Magistri (RIFORMANZE 8, c. 127r).

 

94.62 - 1277. D. Munaldo de S. Valentino e i suoi figli Zacopellus e Maso (P. E., parr. di S. Biagio) ottengono licenza di portare armi difensive (CAPITANO 1277-78 [4], reg. 3, c. 1v).

 

94.63 - 1277. Gracianellus d. Bracarii di Borgo S. Sepolcro è accusato di aver accoltellato Ugolino, originario della Sicilia e serviens di d. Munaldo Aldrevandini, della parr. di S. Biagio; nel dibattimento testimoniano, oltre a d. Munaldo, i suoi figli donna Rainuccia, donna Fronda, Iacopello e Masolo (PODESTÀ 1277 [10 c], reg. 4, cc. 4r-6r).

 

94.64 - 1277. Tra i confinanti di quattro terreni a Montepetriolo, d. Tommaso de S. Valentino (CENSI 2, c. 101r).

 

94.65 - 1277. Iacopellus d. Monaldi* versa al massaro del comune di Perugia 2 soldi nomine decimum…pro petitionem quam fecit contra deucem [? Così, sta per iudicem?] specialem de IIII libris.

D. Tommaso de S. Valentino versa al detto massaro 10 libre pro quadam condempnatione non meglio specificata (MASSARI 2, cc. 30v, 76r).

*Si tratta del figlio di Munaldo di S. Valentino?

 

94.66 - 1279. Iacopellus d. Munaldi è tra gli offitiales comunis Perusii super examinandis et aprobandis bailitoribus novis et fideiussoribus eorum (MASSARI 4, c. 29v).

 

94.67 - 1279. I confinanti di un terreno posto tra le ville di S. Valentino e di S. Costanzo in castellare de Formis, ceduto dalla canonica perugina in permuta, sono da una parte d. Tommaso d. Boninsigne, d. Munaldo d. Aldrovandini, i figli di Uguccione Ranaldi*, d. Ranaldo d. Ranerii, Romagnolo d. Ysacci e d. Elemosina d. Gualfredi, ciascuno per la propria parte, e sugli altri lati la via (CENSI 1, c. 291r).

*Dovrebbe essere Uguccione di S. V., padre di Contulo.

 

94.68 - [Ante 1281] Da alcune deposizioni rese nell’ambito di un procedimento giudiziario promosso tra la fine del 1281 e i primi del 1282 dal rettore pontificio del ducato di Spoleto contro il comune di Gualdo Tadino, riguardo al diritto di designazione del podestà e degli altri ufficiali del castello, risulta che d. Munaldo de S. Valentino, in precedenza, era stato per una volta podestà del luogo (Gualdo Tadino preunitario, 2, perg. n. 1).

 

94.69 - 1281. Tra i milites in servitium d. pape qui iverunt in Romagnam,  vi è Angelo d. Thomasii Bonisigne (P. E.), per conto del quale il padre riscuote dal comune di Perugia 67 libre e 10 soldi, equivalenti a 30 fiorini per un servizio di 30 giorni a un fiorino al giorno (DIPLOMATICO, V  2   265).

 

94.70 - 1281. Iacopellus d. Munaldi, riceve dal comune di Perugia 15 soldi pro uno sparaverio quem emit pro ludo festi Omnium Sanctorum; lo stesso è superstans bladi pro Porta Eburnea (MASSARI 7, c. 4r. MASSARI 14, cc. 18r, 35r).

 

94.71 - 1282. Andruccio d. Angeli, detto Macius, de S. Valentino., risulta essere debitore per 4 l. (CAPITANO 1282 [6 b], reg. 12, c. 169r).

 

94.72 - 1282. Iacopello d. Monaldi è condannato a 40 soldi per aver minacciato Iacopello di Ranaldolo quod extraheret sibi de visceribus, e ciò di fronte al giudice (CAPITANO 1282 [6 b], reg. 12, c. c. 210r).

 

94.73 - 1282. D. Munaldo de S. Valentino, insieme a d. Pellegrino [di Girardino?], riceve dal comune di Perugia 10 libre per una ambasceria a Spello (CAMERLENGHI 1, c. 296v)

 

94.74 - 1283. D. Munaldo d. Aldrovandini è tra i confinanti di un terreno nelle pertinenze di S. Valentino, in Costis Filonze e di un altro terreno nelle pertinenze di castrum Forme...in loco qui dicitur Falarita (CENSI 1, cc. 10r. CENSI 2, c. 35v).

 

94.75 - 1283. Il giudice e vicario del capitano del Popolo ordina, tra gli altri, a d. Munaldo de S. Valentino, presente, sotto pena di 200 libre, quod hodie hinc ad completorii horam faciat aportari in plateam comunis Perusii ad vendendum decem corbas grani. Il detto d. Munaldo, insieme agli altri, riceve dal capitano l’ordine di andare a ritirare ad tabulam Iohannelli domine Veronice il suo salario per una ambasceria svolta de Narnia et in civitate et in exercitu Narnie (CAPITANO 1283 I [7 a], reg. 1, cc. 62r, 67r).

 

94.76 - 1283. D. Munaldo de S. Valentino è fideiussore di Alevuccio Paganelli, condannato a 20 soldi per non aver provato una accusa (CAPITANO 1283 II [7 b], reg. 4, c. 96v).

 

94.77 - 1283. Angelo d. Thomassi, della parr.di S. Angelo, è assolto dall’accusa di non essersi recato personaliter vel cum equis ad custodiam nocturnam diei mercuri secundi iunii factam per homines et milites Porte Heburnee apud Fulgineum pro custodia exercitus comunis Perusii (CAPITANO 1283 II [7 b], reg. 4, c. 218r).

 

94.78 - 1284. d. Munaldo d. Aldrovandini, parr. di S. Biagio di P. Eburnea, è fideiussore del sindaco degli uomini di Cerqueto, che depone come teste in un processo per aggressione (CAPITANO 1283-84 I [8], reg. 3, c. 34r).

 

94.79 - 1285. D. Rainuccio d. Rainerii de S. Valentino e suo figlio Nicoluccio sono citati tra i testimoni in un procedimento contro i fratelli Guidarello e Rainucolo di d. Ugolino di Monte Sperello (CAPITANO 1285 [10], reg. 1, cc. 26v-27v).

 

94.80 - 1285. Contulo d. Uguitionis è tra i confinanti di un terreno in districtu…castri Montis Sporelli, ove è avvenuta una aggressione da parte di Guidarello di d. Ugolino (CAPITANO 1285 [10], reg. 1, c. 55v).

 

94.81 - 1285. Iohagnolus Atti (P. E., parr. di S. Stefano) è allibrato per 300 l; D. Munaldo di d. Aldebrandino (P. E., parr. di S. Biagio), lo è per 2500 l.; d. Tommaso, pro se et d. Angelo eius filio (P. E., parr. di S. Angelo), per 1300 l.; Contulo d. Uguitionis, i fratelli e il nipote (P. S., parr. di S. Severo de Monte), per 3000 l. (LIBRA 1285, pp. 216, 271, 274).

 

94.82 - 1285. Rainuccio d. Rainerii de S. Valentino è tra i confinanti di una casa posta nella parrocchia di S. Maria del Verzaro, in P. S. Angelo (CAPITANO 1285 [10], reg. 1, c. 40v).

 

94.83 - 1286. Inquisitio ex officio contro d. Angelo Tomasii equester de P. Eburnea, Lello suo figlio, Zolus d. Angeli e due suoi serventes et familiares, tutti accusati di aggressione a mano armata e ferimento contro cinque uomini di Montepetriolo; i fatti si sono verificati in via publica infra campum domine Matelde…in pertinentiis ville Mugnani in loco qui dicitur Valle Genestri; tra i confinanti del campo, il detto d. Angelo. Tre testimoni interrogati confermano l’accusa; uno di essi menziona nella sua deposizione un’altra aggressione che apparentemente non c’entrerebbe  nulla con l’inquisizione in corso, vale a dire quella effettuata da Tebalduccio d. Oliverii, suo figlio Serolus e un non altrimenti noto filius Caçanelli de castro “Angeli” [così nel testo, starà per “Agelli”] ai danni di altri cinque uomini di Montepetriolo. L’inquisito, interrogato, nega l’accusa.

La causa si conclude con la condanna di d. Angelo a 16 libre e 5 soldi, mitigata pena propter instrumentum pacis quod produxit coram…iudice.

Nell’ambito dello svolgimento del’azione giudiziaria, viene richiesto dal giudice un consilium relativo alla questione vertente tra il detto d. Angelo e la comunità di Montepetriolo in merito alla silva Zenestreti

 (CAPITANO 1286 I [11 a], reg. 2, cc. 14r-16v. CAPITANO 1286 II [11 b], reg. 5, c. 70r; reg. 6, c. 9rv).

 

94.84 - 1286. D. Angelo d. Thomasii, della parr. di S. Angelo di P. Eburnea, è fideiussore di Rustichello Merçoli, della parr. di S. Maria di Mercato, condannato per porto d’armi proibite (CAPITANO 1286 II [11 b], reg. 5, c. 83v).

 

94.85 - 1286. Masolo d. Ranaldi de S. Valentino, della parr. di S. Maria di Mercato, è condannato ad una ammenda di 10 libre per porto di armi proibite; garantisce per lui Gilio Recoli, della parr. di S. Martino del Verzaro (CAPITANO 1286 II [11 b], reg. 5, c. 284r).

 

94.86 - 1286. Angelo d. Tomassi, della parr. di S. Angelo di P. Eburnea, è fideiussore di Pancaldo Simeonis tabernarius de castro Agelli, condannato per aver permesso che nella sua taverna si giocasse d’azzardo (PODESTA’, 1286-87 [17], reg. 1, c. 28r)

 

94.87 - 1286. D. Ranaldo de S. Valentino deve avere dal comune di Perugia: 33 libre, 6 soldi e 8 denari pro equo quem retinuit de numero sexcentum; 11 libre e 15 soldi pro servitiis que fecit in cavalcatis nella guerra contro Foligno del 1282; 50 soldi  pro servitium quod fecit ad Castrum Plebis; 3 libre, prestate al comune pro opere fontis. Inoltre, gli sono anche dovute 5 libre e 10 soldi per i danni procurati ad una sua casa in qua habitaverunt familiares d. pape . Si registrano anche danni dati ad una casa iusta platea di d. Rainuccio di S. Valentino [si tratta della stessa persona?] quam habuit magister Iohannes de Marescalla [vicecancellarius].

D.Munaldo d.Aldrebandini, della parr. di S. Biagio di P. Eburnea, deve avere dal detto comune: 13 libre e 10 soldi per diciotto giorni di servizio, con due cavalli, nella guerra contro Foligno; 33 libre, 6 soldi e 8 denari pro equo sibi imposito de numero sexcentum militum, per 16 mesi; 100 soldi quos prestitit pro opere fontis. Inoltre lo stesso Munaldo deve avere, pre conto dei suoi figli Iacopellus e Massolo: 11 libre cumulative per un totale di diciotto giorni di servizio nella guerra contro Foligno, undici giorni con due cavalli e sette con uno; 33 libre, 6 soldi e 8 denari pro equo sibi imposito de numero sexcentum militum, per 16 mesi; 10 libre, spettanti a Massolo, pro ludo quem fecit quando d.papa venit Perusium (DEBITORI, 5, c. 2v. DEBITORI, 6, cc. 1r, 68v, 69r. MASSARI 23 d, c. 55v).

 

94.88 - 1286. D. Munaldo de S. Valentino riceve dal comune di Perugia 30 libre per un’ambasceria di 15 giorni a Roma in servitium comunis et hominum civitatis Narnie (MASSARI 23 a, cc. 53r, 80r).

 

94.89 - 1286. D. Elemosina d. Gualfredi riceve 15 libre come pensio per una sua casa in quo repositus est bladum Clusii pro comune Perusii (MASSARI 23 a, c. 76r).

 

94.90 - 1287. Angeluccio qui dicitur Gabuzius de Azello filius Iohannis è inquisito per aver aggredito a mano armata Zolus Avultronus d. Angeli d. Thomasii e Giovanni Francisci qui dicitur Crivelus de Azello, procurando a Zolus una ferita alla guancia e riducendo l’altro in fin di vita, i fatti sono avvenuti in via seu strata publica in pertinentiis de plebe Marchono longe a dicta villa de plebe Marcho per medium miliare vel circa. L’accusato si difende affermando di aver agito per legittima difesa; viene comunque arrestato e incarcerato e si invia anche un medico a constatare le condizioni dei due feriti: l’uno, Giovanni, si trova ad Agello e lo si ritiene vicino a morire, mentre Zolus, domiciliato in P. Eburnea, non corre pericolo di vita tuttavia si prevede che la ferita all guancia produrrà un cicatrice permanente.

Parallelamente all’inquisitio contro Angeluccio ne viene avviata un’altra contro Zollus, detto qui de castro Agelli*, accusato a sua volta di aver aggredito a mano armata il detto Angeluccio, ferendolo e mettendolo a rischio di perdere l’occhio destro e avendolo lasciato pro mortuo; cambia comunque la localizzazione dello scontro armato, che sarebbe avvenuto in pertinentiis ville plebis Fontignani in quodam campo canonice S. Laurentii de Perusio. L’accusato si presenta alla convocazione del giudice, proclamandosi innocente e presentando la fideiussione di suo padre Angelo, della parrocchia di S. Angelo di P. Eburnea, e di Tribaldo ser Oliverii, della parr.di S. Silvestro di P. S. Pietro.

Zolus, anche qui detto de castro de Agello, viene assolto dall’accusa deficientibus probationibus non repertus in culpa (CAPITANO 1287 [12], reg. 2,cc. 114r-117r; reg. 5, c. 6v; reg. 7, c. 8r).

*Pur trattandosi indubbiamente dell’esponente di una famiglia legata al gruppo magnatizio di S. Valentino, vi dovevano essere dei legami, di cui ignoriamo la natura, tra essa e il castello di Agello testimoniati, oltre che dal “predicato territoriale” di Zolus, anche dalla fideiussione presentata da Tebalduccio d. d. Oliviero di Agello e dal fatto che, nell’altro procedimento giudiziario del 1286 riguardante la famiglia (ved. sopra, 94.83), si parla in una testimonianza di una aggressione perpetrata dal detto Tebalduccio e da suo figlio, senza che apparentemente tra i due avvenimenti vi sia un nesso.

 

94.91 - 1287. D. Munaldo de S. Valentino e Angelo d. Tomaxii sono ambasciatori (RIFORMANZE 5, cc. 251rv e 260rv).

 

94.92 - 1287. Contulo d. Uguitionis, della parr. di S. Severo di P. Sole, giura di aver smarrito unam politiam de LII libras quas habere debebat…tamquam sindicus ville S. Valentini pro prestantia imposita pro fontibus platee; garantiscono per lui Ioannello Bevenuti, della parr. di S. Severo di P. Sole, e Ioannello Bucholli, della parr. di S. Antonio di P. Sole. Il capitano dà ordine che la polizza sia riscritta CAPITANO 1287 [12], reg. 9, c. 54v).

 

94.93 - 1288 D. Ranaldo d. Rainerii de S. Valentino è citato tra i testimoni in un procedimento per aggressione (CAPITANO 1288 [13], reg. 1, c. 30v).

 

94.94 - 1288. D. Munaldo d. Aldobrandini de S. Valentino deve avere 12 libre per una ambasceria di 8 giorni ad Orvieto e a Todi, insieme a d. Ianne de Monte Sporello; gli viene anche successivamente corrisposto un saldo di 30 soldi (MASSARI 24, cc. 56v, 76r. MASSARI 25, c. 14r).

 

94.95 - 1289. Andruccio Iacobi, cansor, dà a cottimo a Contulo olim d. Uguitionis e a d. Pace, priore di S. Paterniano, per quattro anni, tutti i possessi del monastero di S. Maria di Valdiponte, tra cui un molino, nelle pertinenze di S. Paterniano e di S. Giovanni de Prugneto, per un canone annuo di 50 libre di denari cortonesi e perugini minuti. Risulta che il concedente, a sua volta, aveva ricevuto allo stesso titolo le dette proprietà da fr. Umile, sindaco del detto monastero.  L’atto è rogato a Perugia in camera d. Iohannis d. Uguitionis* (VALDIPONTE 1034).

*Fratello di Contulo?

 

94.96 - 1289. Contulo d. Uguitionis, anche per conto di suo fratello e di suo nipote, deve aver dal comune di Perugia 50 fiorini d’oro per un cavallo quem assignaverunt coram assessores equorum comunis Perusii et qui equus fuit eis impositus per comune Perusii (MASSARI 25, c. 19r).

 

94.97 - 1290. D. Munaldo de S. Valentino e d. Elemosina d. Gualfredi compaiono nel lungo elenco di coloro che, come sembra, hanno pagato una ammenda di 5 s., non è detto per quale motivo. (CAPITANO 1291 [16], reg. 6 b, cc. 2v, 5v).

 

94.98 - 1292. D. Elemosina d. Gualfredi, della parr.di S. Croce di P. S. Susanna, è fideiussore degli accusati in un procedimento per aggressione (CAPITANO 1292 [17], reg. 1, c. 144v).

 

94.99 - 1292. D. Munaldo de S. Valentino è citato come testimone in un procedimento penale (CAPITANO 1292 [17], reg. 2, c. 121v).

 

94.100 - 1292. D. Munaldo d. Aldrovandini accusa Muscolus d. Guidonis qui…immisit seu immicti fecit et immissa detinet…a kalendis maii citra…berbecones, lingna et proferlum et tectum de domo sua, que fuit condam Andrucii Ranaldi et fratris, super viam publicam que est iuxta ipsam domum ab una parte et iuxta domum predicit Munaldi ex altera, ultra medietatem ipsius vie sine voluntate ipsius d. Munaldi qui habet domum ex altera parte dicte vie; et est predicta domus Muscoli posita in civitate Perusii in P. Eburnea in parrochia S. Blasii, cui de ante et de retro sunt vie, ab alio heredes Rusticelli d. Saracini et ab alio d. Munaldus predictus; domus vero predicti d. Munaldi posita est in predicta Porta et parrochia, cui a tribus lateribus vie et ab alio res q.d. Bartolomei d. Bonaventure. D. Munaldo chiede che le strutture in questione siano demolite, dichiarando tra l’altro di possedere, lui ed i suoi autores, la casa in questione da trent’anni e più (PODESTA’ 1292-93 [20], reg. 1, cc. 44r-47v).

 

94.101 - 1293. Massolo d. Ranaldi, della parr. di S. Maria del Verzaro,* è condannato a 30 soldi per porto d’armi proibite (CAPITANO 1293-94 [18], reg. 4, c. 10v).

*Da identificare con Massolo di Ranaldo di S. Valentino?

 

94.102 - 1294. D. Elemosina d. Gualfredi, come sindaco e procuratore della villa di Collis Iantis, risulta aver denunciato una aggressione avvenuta nel territorio della detta villa (PODESTA’ 1294 [23], reg. 2, c. 37v).

 

94.103 - 1296. Contulo d. Uguitionis, della parr.di S. Severo di P. Sole, insieme a d. Iacobus di Girardino, rettore della chiesa di S. Silvestro de Colle Pizonis, promette a Zachinellus di Munaldo di restituirgli 8 libre di denari cortonesi, da lui ricevuti in mutuo (VALDIPONTE 1093).

 

94.104 - 1296. D. Elemosina d. Gualfredi, della parr. di S. Croce di P. S. Susanna, è tra i fideiussori di uno scutifer di Gheçus d. Trencoli e di Collus Geptii e di Teo Optonutii, dei quali si specifica che sono de prole militari ex paterna linea (CAPITANO 1296-97 [21], reg. 2, c. 35v).

 

94.105 - 1298. Vengiatolus, famulus d. Munaldi de S. Valentino, è condannato, insieme ad altri, a 40 soldi per porto di armi proibite (CAPITANO 1297-98, reg. 5, c. 123r)

 

94.106 - 1298. D. Elemosina de S. Valentino riceve dal comune di Perugia 18 libre come pensio per una sua casa in qua repositum fuit bladum de Clusio Perusii pro XV mensibus (MASSARI 37, c. 11r).

 

94.107 - 1299. D. Elemosina d. Gualfredi, di P. S. Susanna, parr. di S. Croce, riceve dal detto comune 6 libre e 5 soldi come pensio della medesima casa, affittata dal comune per cinque mesi al medesimo scopo (MASSARI 41, c. 35r).

 

94.108 - 1299. Sensolo Alexandri, della parr. di S. Bartolomeo di P. Eburnea, viene aggredito ad domum d. Munaldi de S. Valentino, in qua dictus Sensolus vinum vendebat, iuxta stratam regalem, unam de quinque stratis regalibus de civitate (PODESTA’ 1298-99 [30], reg. 1, c. 29r).

 

94.109 - S. D. [ma 1260-61]. Rainuccio de S. Valentino* deve 50 soldi a Pasquarello Peri, causa mutui (CATASTI 1, c. 224v).

*Si tratta di Ranaldo di Rainerio?

 

94.110 - Sec. XIII. Contulo d. Uguitionis de S. Valentino è tassato per due corbe di grano (MISCELLANEA 17, c. 2r).

 

94.111- Nel Libro Rosso del 1333 sono menzionati vari discendenti di questo raggruppamento signorile (FABRETTI, pp. 104, 114, 120).

 

 


 

95

 

 

Saraceni

 

Gubbio

 

 

 

                                                                 (Saraceno)

                                                                         |

                                              _______?_____ |________________

                                             |                                                            |

                                             |                                                            |

                                   (Suppolino)                                              Tebaldo

                                             |                                                         1140

                     ____________|_____________

                    |                                                   |

                    |                                                   |

            Gualterio                                      “fratelli”

        <1140-1158>                                       1140

 

 

 

 

95.1 - 1140.Gualterio Suppolini e i suoi fratelli donano a Tebaldo Saraceni loro zio* la metà della terra che hanno da S. Maria di Valdiponte in castro Montis Urbini et in burgo Castrisi: ibi edificaverimus castrum (DE DONATO I, n. 59).

*Paterno o materno?

 

95.2 - 1158. Gualterio de Suppolino è tra i testimoni a due atti di S. Maria di Valdiponte (DE DONATO I, pp. 141 e 143).

 

 


 

96

 

 

Domini di Sasso Rosso – Colle - Deruta

 

Perugia-Assisi

 

 

- Tra i signori di Sasso Rosso-Colle e i vari domini di Deruta, o almeno alcuni di essi, ci dovrebbe essere parentela, secondo il Nicolini (ved. infra, 96.35 e 96.36), nel senso che i secondi rappresenterebbero un ramo dei primi. Ciò è ammissibile ipotizzando che il Leonardo di Deruta e suo figlio Rainaldo menzionati nelle fonti della fine del sec. XII (ved. infra,  96.77 e 96.78) si identifichino con uno dei figli di Ghislerio di Alberico, Leonardo appunto. Nell'incertezza ho comunque preferito trattare separatamente i due gruppi signorili.

 

- Per ciò che riguarda i signori di Sasso Rosso-Colle, non è sicuro in tutti i casi che il patronimico Fortisbrachii indichi un rapporto di figliolanza con Fortebraccio di Ghislerio, o addirittura non è detto che tutti quelli che presentano tale patronimico appartengano alla famiglia, vista la diffusione del nome.

 

- Nella documentazione perugina più antica compare un Girardo di Ghislerio, che è anche console (DE DONATO II, p. 125. CENSI 1, c. 16r. CDP, p. 49, VALDIPONTE 236): si tratta certamente di un omonimo perugino di Girardo di Ghislerio di Alberico, in quanto compare come testimone nell'atto in cui quest'ultimo è menzionato per la prima volta come attore (ved. infra, 96.11). Anche Benvenuto di Girardo di Ghislerio, proprietario di case e casalini nel quartiere di P. S. Pietro (CENSI 1, c. 162r. CENSI 2, cc. 94v-103r), non dovrebbe appartenere alla famiglia, o per lo meno non sono emersi legami con essa.

 

- Secondo il Fortini (FORTINI , II, pp. 144-145), Leonardo di Gislerio si identificherebbe con quel frater Leonardus de Asisio che, secondo la narrazione di Tommaso da Celano, tornando dal viaggio in Oriente compiuto insieme al Santo nel 1219, si lamentava tra sé del fatto di dover andare a piedi, lui di origine signorile, mentre il plebeo Francesco andava a cavallo, sia pure di un asino (Non ludebant de pari parentes huius et mei, mugugnava l’offeso); e Francesco, indovinati i suoi pensieri non proprio benevoli, si affrettò a scendere, mettendo in confusione l’incauto (TOMMASO DA CELANO, p. 150). In ogni caso, è fuori di dubbio che Filippa, una delle prime compagne di S. Chiara e terza testimone al suo processo di beatificazione, celebrato nel 1253, fosse figliola già de mesere Leonardo de Gislerio, come dichiara all’inizio della sua deposizione.

 

- Seguendo il criterio dell’onomastica familiare, il Fortini ritiene: che Gislerio di Alberico avesse uno zio priore della cattedrale dei S. Rufino, e due cugini, di nome Fortebraccio e Girardo; che il Munaldo di Leonardo più volte citato nei documenti assisani, sia figlio di Leonardo di Gislerio (FORTINI, II, pp. 138 e 142-143). Non sussistendo però altri indizi tali da rafforzare questa ipotesi, sono stati evidenziati ove necessario i dubbi che si nutrono in proposito.

 

- Questi signori, emigrati temporaneamente a Perugia all’inizio del ‘200, mantengono per tutto il secolo prerogative signorili nel castello di Sasso Rosso, in territorio assisano; un forte nucleo patrimoniale è comunque presente nell’area di Colle-Castel Grifone [Brufa], insieme a terre e ad un molino sul Nestore, presso Castiglione della Valle.

 

96.1 - I nobiles de Diruta sono tra i soggetti signorili che Enrico VI, nel suo diploma al comune di Perugia, esclude dal controllo cittadino sul contado (CDP, p. 20).

 

96.2 - Domini di Sasso Rosso-Colle

 

 

                                                                          ?

                                                                          |______?____________________

                                                                          |                            |                         |

                                                                          |                            |                         |

                                                                  (Alberico)                Conte                (Ugo)

                                                                          |                 priore di S. Rufino        |

                                                                          |                     <1155-1182>_____ |_____  

                                                                          |                                          |                       |

                                                                          |                                          |                       |

                                                                   Ghislerio                          Fortebraccio        Girardo

                                                                       1182                                  1177                 1177

                                                                          |                             

                                _____________________|____________________

                               |                                          |                                         |

                               |                                          |                                         |

                        Girardo                             Fortebraccio                       Leonardo

                   <1200-1203>                      <1200-1246/47>               <1203-1219?>

 

 

  

-Discendenti di Fortebraccio di Gislerio:

 

                                                                 Fortebraccio

                                                             <1200-1246/47>

                                                                          |                                         

                                    ___________________|_______________________________                

                                   |                                           |                        |                                |               

                                   |                                           |                        |                                |               

                             Todino                               Leonardo             Paolo                     Ranaldo    

                        <1260-1263>                     <1247-1277>    <1233-1263>              q.1233?     

                                   |                                            |                        |                              |

                   ________|______________                |                  ___|_____               __ |________

                  |                         |                    |              |                  |                |             |                       |              

                  |                         |                    |              |                  |                |             |                       |                     

           Ranaldo           Munaldo       Nardolo    Todino      Ranaldo    Pilonus  Todino          Leonardo  

      <1263?-1299>  <1266-1292>      1291        1263   <[1260-1263>  1298     <1231-<1233?-1285>              

                                           |                                            1261]  |                           1233?>               |

           ________________|_                                                     |                               |                      |

           |               |                   |                                                   |                                ?                     |

           |               |                   |                                                   |                                |                      |

Braczolus    Avultrone    Tudinuccio                              Naldolo                         Ranaldo       Cecherellus/

      1291  <1281?-1285>    1291                                <1285-q.1298           <1285-1291>    Contollus?  

                                                                                                                                             <1281-1286>

 

                                                                                               Vagnolo, nipote di Nardolus Ranaldutii

                                                                                                                               1286

 

-Discendenti di Leonardo di Gislerio:

 

                                                        Leonardo

                                                     <1203-1219?>

                                                                |

                           __________________ |______________________   

                          |                                     |                                            |

                          |                                     ?                                           |

                          |                                     |                                            |

                      Oddo                          Munaldo                                Filippa

                       1200                    <1203?-1233>                               1253

                                                                |

                                                ________|____________      

                                               |                                         |

                                               |                                         |

                                       Odduccio                             Guido

                                           1233                           <1222-1237>

                                                                                         |

                                                                                         |

                                                                                 Moricuccio

                                                                                      1233

 

 

Inoltre, vi sono i seguenti personaggi di cui, nonostante il patronimico, non è sicura la collocazione nella linea agnatizia, o addirittura è dubbia l'appartenenza alla famiglia:

 

 Puzolus  de castro Grifonis/de Colle                e          Mignolus   di Fortebraccio, fratelli

                <1266-1291>                                                             <[1260-61]-1286>

 

Taduccio di Fortebraccio

        [1260-1261]

 

Simone di Fortebraccio

       <1245-1264>

 

Abrunamonte di Fortebraccio

   <[1260-1261]-1299>

 

 

96.3 - 1155. Lupo e Sanguigno di Tiberio vendono a Conte, priore di S. Rufino di Assisi, un terreno in vocabolo Spina (S. RUFINO, II 108. FORTINI, III, p. 289).

 

96.4 - 1166. Il detto priore riceve da alcune persone la rinuncia ad una lite, riguardante i beni di Bernardo di Rainerio e figli (S. RUFINO, II 119. FORTINI, III, p. 291).

 

96.5 - 1170. Ugo Veteris dona e refuta al detto priore due terreni (S. RUFINO, II 122. FORTINI, III, p. 538).

 

96.6 - 1177. D. Conte, priore di S. Rufino, con il consenso dei nipoti Fortebrachia e Girardo, filii Ugonis, di Guictone Iaconi e di Machabeus Arregeati dona alla detta Chiesa de ipsa persona que Petrus Berarducii vocatur atque de omnibus illius rebus que habet (S. RUFINO II 129. FORTINI, III, p. 292).

 

96.7 - 1179. Alcune persone vendono alla Chiesa di S. Rufino, per manus de domino Comite priore, un terreno in Castro Novo (S. RUFINO II 131. FORTINI, III, p. 293).

 

96.8 - 1180. Marco, figlio di Aifredo presbitero, dona pro anima alla Chiesa di S. Rufino, per manus de domino Comite priore Ecclesie S. Rufini, terreni e case (S. RUFINO II 132. FORTINI, III, p. 293).

 

96.9 - 1182. Gislerio de Alberico è tra i testimoni ad un atto di compravendita relativo alla Chiesa di S. Rufino (S. RUFINO II 135. FORTINI, III, p. 294).

 

96.10 - 1182. La Chiesa di S. Rufino acquista una terra propter manus d. Comitis prioris (S. RUFINO II 136. FORTINI, III, p. 294).

 

96.11 - 1200. Girardo Gislerii Alberici, presentatosi ai consoli di Perugia, giura di essere cittadino perugino e di assumere gli oneri connessi, in particolare di tenere i propri beni siti nel contado della città, a Colle e altrove, a nome della comunanza; lo stesso giuramento ripetono successivamente suo fratello Fortebraccio e suo nipote Oddo filius Leonardi (CDP, n. 22).   

 

96.12 - 1202. I filii Gisleri sono tra i confinanti di un terreno in Castro Novo (S. RUFINO III 6. FORTINI, III, p. 302).

 

96.13 - 1203. I consoli perugini e il camerario del comune, nell'offrire ospitalità, protezione e garanzia ai milites di Assisi e ai pedites ad essi aderenti che sono venuti o verranno al servizio di Perugia, promettono tra le altre cose di non far pace con gli Assisani se non verranno rimborsati i danni subiti dagli stessi milites, ad dictum di Leonardo, Fortebraccio e Arlotto Pilucii* (CDP, n. 36).

*Secondo il Bartoli Langeli, costoro erano i leaders dei milites di Assisi cacciati dalla loro città, in seguito alla rivolta dei popolari (CDP, pp. 48 e 82).

In tre atti successivi (1205, nn. 37, 38, 39) alcuni fuoriusciti assisani liberano il comune di Perugia dal detto impegno di emenda dei danni ad dictum Fortisbrazii pro se et fratre suo Leonardo, essendo stati risarciti dagli stessi assisani.

 

96.14 - 1203. Nel trattato di pace tra i boni homines e gli homines populi di Assisi, si stabilisce tra l’altro che Fortisbracio et Girardo pro sua [casa habeant] L libras et habeant ibi casas donec habebunt denarios. Item pro casalino Munaldi* dentur sibi XXX libras; pro casalino Leonardi sibi XXX libras dentur. Si aggiunge poi che si filii Gislerii [ed altri] voluerint esse in manibus nostris, reservetur nobis [agli arbitri] quod possimus dicere inter eos et comune et comune teneatur stare dictis nostris (ASCA,  M1, c. 1v. FORTINI, III, p. 557).

*Si tratta di Munaldo di Leonardo?

 

96.15 - 1205. Il podestà di Perugia, ordinando la pace tra Perugia ed Assisi e dettando varie disposizioni agli uomini di Assisi e di Bastia, che hanno giurato di osservarle, ordina che essi risarciscano i danni subiti da Leonardo e Fortebraccio de Gislerio. Tale risarcimento consiste nella restituzione della tenuta di Sasso Rosso* e dei possessi in Assisi e nel territorio, nella ricostruzione della torre e del palatium di Sasso Rosso e nel pagamento di 100 l. di denari lucchesi (CDP, pp. 88-89).

* A tale proposito, si fa cenno ad un privilegio imperiale che sarebbe stato posseduto dalla famiglia.

 

96.16 - 1209. Nell'arbitrato tra Perugia ed Assisi celebrato da Uguccione del q. Guido di Ianne, vengono tra l'altro ribadite le disposizioni di cui sopra circa i risarcimenti ai figli di Ghislerio (CDP, pp. 108-114).

 

96.17 - 1210. Leonardo e Fortebraccio Gislerii sono tra i testimoni al patto del 1210 tra boni homines e populares di Assisi; inoltre, un Leonardo è tra i sei deputati dal podestà e dal comune ad cognoscendum et emendandum cartam franchitatis at alia strumenta comunis pro pace composita (A.BARTOLI LANGELI, La realtà sociale assisana e il patto del 1210, in Assisi al tempo di S. Francesco, atti del V Convegno della Società internazionale di studi francescani, Assisi 13-16 ottobre 1977, Assisi 1978, pp. 327-328).

 

96.18 - 1214. Fortebraccio è tra i testimoni alla sommissione del conte di Sarteano (CDP, p. 126).

 

96.19 - 1215. Leonardo Gislerii è tra i testimoni a due atti di quietanza rilasciati da vari milites per le somme loro dovute dal comune di Assisi (ASCA, M1, cc. 5v e 6r. FORTINI, III, p. 584).

 

96.20 - 1217. Fortebraccio de Gislerio è tra i testimoni della cessione a Perugia da parte degli eugubini dei diritti territoriali loro tolti in seguito al lodo di Pandolfo de Sigura (CDP, p. 176).

 

96.21 - 1219. Frater Leonardus de Asisio [Leonardo di Gislerio?]*, compagno di S. Francesco (TOMMARO DA CELANO, p. 150).

*Ved. nota introduttiva alla scheda.

 

96.22 - 1222-1223. Guido Munaldi* è tra i testimoni a due atti del comune di Assisi (ASCA, M1, c. 16r. FORTINI, III, pp. 410 e 603)

*Figlio di Munaldo di Leonardo?

 

96.23 - 1223. Fortebraccio è tra i testimoni dell'alleanza tra Città di Castello e i milites perugini (CDP, p. 208).

 

96.24 - 1228. Tra i testimoni di atti del comune di Assisi, Munaldo Leonardi*, come consigliere del comune medesimo, e Guido Munaldi (ASCA, M1, cc. 15v e 17v. FORTINI, II, p. 142; III, p. 619).

*Seguendo il criterio dell’uniformità dell’onomastica familiare, il Fortini ritiene che costui sia figlio di Leonardo di Gislerio (FORTINI, II, pp. 138 e 142-143).

 

96.25 - 1229. D. Munaldo Leonardi dona alla chiesa di S. Francesco un terreno; l’atto è rogato in Assisi, in domo Guidi Munaldi, alla presenza tra gli altri, di d. Fortibrachia Gisleri* e di Guido Munaldi (Archivio del Sacro convento di Assisi, Instrumenta, II  2. FORTINI, III, p. 459).

*Nel Fortini si trova un d. Fortibrachia VIRI HONORABILIS Gisleri, che non ha alcun riscontro nel documento.

 

96.26 - 1230. Guido Munaldi è tra i testimoni ad un atto di donazione che vede come attrice Marianna di Gislerio iudex*  (S. RUFINO, III 42. FORTINI, III, p. 309).

*Non dovrebbe trattarsi del capostipite della famiglia, cui non viene mai accostato tale appellativo.

 

96.27 - 1230. Brunetta quondam amasia Guidonis Munaldi,  è condannata quia non soluit exbannitionem in III solidis (ASCA, N1, c. 21v. FORTINI, III, p. 423).

 

96.28 - 1231. Todino Rinaldi Fortisbrachii è condannato dal podestà a 17 libre e 15 soldi quia non soluit exbannitionem (ASCA, N1, c. 22v. FORTINI, III, p. 426).

 

96.29 - 1232. Munaldo Leonardi è uno dei fideiussori di un giudice del comune di Assisi, che promette al podestà di sottoporsi a sindacato (FORTINI, III, p. 383*).

* Le indicazioni contenute nel Fortini non hanno consentito di reperire l’originale.

 

96.30 - 1232. Un tale Matteo Ionte Gratiano è condannato pro accusatione facta de eo a Munaldo Leonardi quia fregit piscariam suam et pisces inde extraxerat de nocte (ASCA, N1, c. 23v. FORTINI, III, p. 427).

 

96.31 - 1233. Si tratta di una nota di elargizioni che il comune di Assisi soleva fare in occasione del Natale a milites, a pedites e ad enti religiosi. In esso vengono menzionati Munaldo Lionardi, suo figlio Odduccio vel alter eius socio idoneo, Guido Munaldi, Moricuccio suo figlio, la moglie di Rainaldo Fortisbrachie*, Paolo Fortibrachius e i suoi nipoti Todino e Leonarduccio** (ASCA, N1, cc. 13r, 14r, 16r. FORTINI, III, pp. 429, 430, 432).

*Da questa notizia, il Fortini desume che Rainaldo di Fortebraccio era defunto (FORTINI, II, p. 142).

**Di chi sono figli costoro? Probabilmente di Rainaldo di Fortebraccio, se si ammette che in questa data costui era morto e che quindi Paolo di Fortebraccio, loro zio, doveva esercitare su di loro una specie di tutela.

 

96.32 - 1237. Guido Monaldi è tra i consiliares del comune di Assisi (ASCA, N1, c. 29v. FORTINI, III, p. 641)

 

96.33 - 1245. Ugolino di Benincasa presta fideiussione in favore di Simone Fortisbrachii presso d. Ugolino, pievano della pieve di S. Quirico, in una naticla et uno ferro pro molendino (CDP, p. 669).

 

96.34 - 1245. Innocenzo IV, in un breve diretto al comune di Assisi, ut nec dampna rerum vobis [assisinates] undique per infideles et inimicos ecclesie, ac specialiter per illos qui morabantur in Rocca de Saxo Rubeo, que nuper dextructa extitit de mandato et auctoritate dilecti filii magistri Alexandri cappellani nostri, ordina che in Rocca predicta, per quam multa mala solent vobis contingere, ulterius nulla munitio vel structura fiat in penam infidelium ecclesie Romane, ad quos pertinet (THEINER, I, pp. 118-119)

 

96.35 - [1246-48]. In una testimonianza resa al processo contro Matteo da Rieti, si menziona d. Fortebraccio che tornava dal "regno" insieme allo stesso Matteo (NICOLINI, Reformationes. .., p. 91 e nota 1)*.

*Il Nicolini, ricordando la prigionia dei figli di Fortebraccio, Leonardo e Paolo, e di Rainaldo di Deruta nelle carceri pugliesi di Federico II (ved. doc. successivo), afferma che Rainaldo era nipote di Fortebraccio, tuttavia nè qui nè altrove emerge questo dato, anche se lo si può ipotizzare.

 

96.36 - 1247. Leonardo e Paolo Fortisbrachii e Rainaldo de Diruta sono banditi dal comune, essendo stati liberati dalle carceri di Federico II in detrimento comunis Perusii (BANDITI, n. 38. CDP, p. 451).

 

96.37 - 1251. D. Paolo Fortebraccie e Leonardo d. Ranaldi Fortebraccie [suo nipote] sono condannati a 500 l. ciascuno e alla destructio bonorum per aver assalito davanti all'ospedale di Colle, ad iniuriam comunis Perusii, d. Beccario di Spello, il quale si dirigeva a Perugia come ambasciatore della sua città (BANDITI, n. 238. CDP, p. 501).

 

96.38 - 1253. Filippa, una delle prime compagne di S. Chiara e testimone al processo di beatificazione di lei, celebrato in questa data, dichiara all’inizio della sua deposizione di essere figliola già de mesere Leonardo de Gislerio (Z. LAZZERI, Processo di canonizzazione di S. Chiara, in “Archivium Franciscanum Historicum” XIII  (1920), pp. 452-459. FORTINI, II, pp. 144-145, 340-341, 402).

 

96.39 - 1258. D. Leonardo Fortisbrachii è assolto dall'accusa presentata da tre custodi delle comunanze [di Colle] di aver catturato un uomo che dicevano avesse danneggiato le comunanze stesse (PODESTÀ 1258 [3], c. 259v).

 

96.40 - 1260. D. Paolo, d. Todino e d. Leonardo Fortisbraçi sono tra i magnati del contado di P. Sole (RIFORMANZE 4, c. 163r).

 

96.41 - 1261. D. Todino Fortisbrachii (P. S., parr. di S. Severo di Monte) assegna beni immobili per un estimo di 2300 l.; essi si compongono di 13 appezzamenti posti a Colle e a Sasso Rosso, tra cui la sesta parte di totum terrenum quod habet ad Saxum Ruscium. Fanno anche parte del patrimonio la sesta parte del pedaggio di Sasso Rosso e 5 famiglie, de quibus tres iverunt vias suas. Da notare che un donicatum terre et vinee a Colle, presso la casa di Todino, stimato 1300 l., è in comune col fratello Leonardo (CATASTI 1, c. 130r).

D. Paolo Fortisbrachii assegna beni immobili per un estimo totale di 1553 l., distribuiti soprattutto a Colle e Castiglione della Valle; tra di essi, la sesta parte del terreno di Sasso Rosso e del pedaggio, oltre a parte di un molino sul Nestore (Ivi, cc. 130v-131r).

 

96.42 - 1263. D. Todino e d. Leonardo Fortisbrachie e Ranaldo di d. Paolo assegnano tutta una serie di terreni nel contado di Perugia, ma appartenenti ad assisani; tali terreni sono stati da loro occupati come gesto di rappresaglia contro gli uomini e il comune di Assisi il quale, a quanto pare, aveva loro inflitto una condanna a 1000 l., non è detto per quale motivo (CAPITANO 1263-73 [1], reg. 1, cc. 183v-184r).

 

96.43 - 1263. Urbano IV, con due bolle distinte, ordina a Paulus natus, Teodinus Leonardi (così denominato solo in uno dei due documenti) e a Rainaldus, nepotes quondam Fortisbrachii* di non molestare il comune di Assisi in percipiendo fructibus in castro Saxi Rubei (THEINER, I, pp. 148-149).

*Di questi tre personaggi, è il terzo che è difficoltoso da situare nel gruppo familiare, in quanto vi sono in esso due esponenti di tale nome. Propongo di identificarlo con il figlio di Todino di Fortebraccio in quanto, se si fosse trattato di Rinaldo di Paolo, non lo avrebbero designato come “nipote di Fortebraccio” ma come figlio di quel Paolo che compare tra i destinatari delle ingiunzioni papali.

 

96.44 - 1264. Simone d. Fortisbrachii, insieme a d. Napoleone d. Boncontis, viene citato per non aver onorato la garanzia prestata a favore di Benedettolo Rubei, debitore di Bonagura barberius per 40 soldi (SBANDITI 2, c. 316r).

 

96.45 - 1266. Munaldo d. Tudini è assolto dall'accusa di aver rubato grano, spelta ed orzo da un campo (PODESTÀ 1265-66-67 [4], c. 179r).

 

96.46 - 1266. Puzolo d. Fortisbrachie/d. Fortibraçi è condannato a 7 soldi e 8 denari per aver tenuto moneta exbannita; a sua volta, insieme al fratello Mignolo, sporge denuncia contro la comunità di castrum Griffonis sive Brufe, per danni ad un suo asino (PODESTÀ 1265-66-67 [4], cc. 20r e 195v).

 

96.47 - 1267. Munaldo d. Tudini viene citato dietro denuncia di donna Angela que petit eidem [Munaldo] ut reddat unam petiam terre positam in Canpania in agio Collis Strade, quam eidem promisit reddere, ut patet publico istrumento (SBANDITI 2, c. 241v).

 

96.48 - 1268. D. Abrunamonte d. Fortisbrachii, insieme a Ugolino d. Ramberti, viene citato per un debito di 130 libre, a petizione di Ermanno d. Rigonis e di Ricobaldo Donoli; l’ingiunzione viene revocata alcuni giorni dopo, essendosi l’imputato presentato in tribunale (SBANDITI 2, c. 313r).

 

96.49 - 1269. Mignolo d. Fortisbrachii de Castro Grifono dà garanzia al podestà di eseguire ogni suo ordine, non è detto a che proposito. Tre giorni dopo il medesimo Mignolo è condannato a 100 l. per aver esportato grascia verso Gualdo Cattaneo (CAPITANO 1263-73 [1], reg. 2, c. 1r; reg. 3, cc. 35v-36r).

 

96.50 - 1273. D. Brunamonte d. Fortibrachii è tra i testimoni ad un atto celebrato a Castiglione Ugolino e riguardante i domini di Antognolla e i domini di Ascagnano-Castiglione Ugolino (MONTEACUTO 1, c. 108r).

 

96.51 - 1276. D. Leonardo Fortisbrachii e Munaldo d. Tudini (P. S.) sono tra i milites che devono partecipare alla spedizione contro il marchese di Montemigiano e Trevi (MISCELLANEA 1, cc. 67r e 68v).

 

96.52 - 1277. D. Leonardo Fortis Brachii  e Munaldo d. Tudini (P. S., parr. di S. Severo de Monte) sono tra i multati quia non iverunt ad faciendam promissionem pro auxilio expensarum aque ductus (PODESTÀ 1277 [10 b], reg. 6, c. 70r).

 

96.53 - 1279. Nello statuto cittadino, proibendo ai proprietari di pedaggi di riscuoterli dai perugini e dai romani, si ordina agli homines seu domini di Sasso Rosso che, come altri perugini, posseggono castrum in iurisdictione alterius, di rispettare questa disposizione (STATUTI 1, I, p. 96 r.8-10).

 

96.54 - 1281. Il Consiglio speciale e generale concede a Munaldo d. Tudini di inviare a sue spese ambasciatori ad Assisi per chiedere il rimborso dei danni dati ad un suo cavallo (MISCELLANEA 7, c. 65v).

 

96.55 - 1281. Tra i milites in servitium d. pape qui iverunt in Romagnam,  vi è Cecherellus d. Leonardi de Colle (P. S.), che riceve dal comune di Perugia, tramite Rigoccio d. Rigonis 67 libre e 10 soldi, equivalenti a 30 fiorini per un servizio di 30 giorni a un fiorino al giorno. A sua volta, Contollus d. Leonardi de Colle*, tramite Zonellus d. Ugolini, riceve 43 libre e 10 soldi pro emendatione unius equi devastati in servitio comunis (DIPLOMATICO, V  2  265. MASSARI 15, c. 33r).

*Cecherellus e Contollus sono la stessa persona? Dovrebbe trattarsi comunque di un figlio di Leonardo di Ranaldo, e non di Leonardo di Fortebraccio, visto il “predicato territoriale” de Colle, assunto anche dal primo Leonardo (ved. infra, 96.58 ).

 

96.56 - 1281. Avultrone d. Munaldi* è bailitor del comune di Perugia (MASSARI 7, cc. 6r, 8v).

*Si tratta di Avultrone di Munaldo di Todino?

 

96.57 - 1284. D. Brunamonte Fortis Brachii è condannato a 20 soldi per non aver provato una accusa di aggressione; il fatto denunciato sarebbe avvenuto in pertinentiis Colognole in fossato qui dicitur Rivus Maior, mentre il preteso aggredito stava recandosi al mulino (CAPITANO 1284 II [9], reg. 1, c. 88v).

 

96.58 - 1285. Nella parrocchia di S. Severo di Monte, in P. S., sono allibrati i seguenti membri della famiglia: Munaldolo d. Tudini è allibrato per 1500 l. pro podere quod habebat in comitatu Perusii et in comitatu et districtu Asisii et ubilibet et maxime pro podere et passagio Sassi Rubei et Uscioli et eorum iurisdictionis; Avultrone Munaldi d. Tudini, per 25 l. (???); d. Leonardo d. Ranaldi de Colle, pro podere... (c. s., manca però la menzione del pedaggio di Usciolo), per 2500; Ranaldo di d. Todino*, pro podere... (c. s.), per 1000 l.; Naldolo Ranaldutii**, anche per conto di sua madre, pro podere... (c. s., manca anche qui la menzione del pedaggio di Usciolo), per 2000 l. (LIBRA 1285, pp. 214-215).

*Figlio di Todino di Ranaldo?

**Figlio di Ranaldo di Paolo (ved infra, 96.66)

 

96.59 - 1286. Ceccolo d. Leonardi deve avere dal comune di Perugia:

33 libre, 6 soldi e 8 denari pro XVI mensibus quibus retinuit equum de numero sexcentum;

13 libre e 5 soldi per 18 giorni di servizio militare prestato con due cavalli in cavalcata contra Fulgineum;

100 soldi quos d. Leonardus pater eius mutuavit pro fonte;

10 libre quare idem Ceccolus lusit eques quando d. papa venit Perusium

(MASSARI 23 d, c. 26r).

 

96.60 - 1286. Mignolo d. Fortisbrachii deve avere dal detto comune:

33 libre, 6 soldi e 8 denari pro XVI mensibus quibus retinuit equum de numero sexcentum;

9 libre per 18 giorni di servizio militare con un cavallo in cavalcata contra Fulgineum;

19 libre pro suplemento extimationis dicti sui equi qui fuit venditus pro comuni minus quam fuerit extimatus

Nardolus Ranalducii, della parr. di S. Severo de Monte, deve avere: 9 libre per diciotto giorni di servizio, con un cavallo, in cavalcata [contra Fulgineum], computatis XIIII diebus quibus servivit pro eo Vagnolus nepos eius*; 33 libre, 6 soldi e 8 denari pro equo sibi imposito de numero sexcentum militum, per 16 mesi; 10 libre pro ludo quem fecit quando d.papa venit Perusium; 10 libre pro mutita fontis de platea.

Munaldolo d.Tudini, della stessa parrocchia, deve avere a sua volta: 11 libre e 5 soldi per quindici giorni di servizio, con due cavalli, nella guerra contro Foligno; 33 libre, 6 soldi e 8 denari pro equo sibi imposito de numero sexcentum militum, per 16 mesi; 39 libre pro residuo extimationis…sui equi venditi pro comuni minus quam fuit extimatus; 10 libre pro ludo quem fecit quando d.papa venit Perusium.

Ranaldolus d.Tudini deve avere a sua volta: 5 libre e 5 soldi per un periodo di servizio non specificato (dovrebbero comunque essere sette giorni), con due cavalli, nella guerra contro Foligno; 33 libre, 6 soldi e 8 denari pro equo sibi imposito de numero sexcentum militum, per 16 mesi; 29 libre pro residuo extimationis…sui equi venditi pro comuni minus quam fuit extimatus; 10 libre pro ludo quem fecit quando d.papa venit Perusium (MASSARI, 23 d, cc. 42v, 43v, 47v, 48v).

*Di chi era figlio Vagnolo?

 

96.61 - 1288. Munaldolo de Colle, di P. Sole*,  è tra i milites condannati a 20 soldi in quanto non fuerunt inventi et scripti ad circham et pontationem factam per d. Venciolum Ugucinelli confanonerium balistariorum…sub vexillo ipsius d. Vençoli, diebus veneris XXV mensis iunii, die sabati et dominice sequentibus, in exercitu facto per comune Perusii contra Fulginates (CAPITANO 1288 [13], reg. 5, cc. 93v, 94r).

*Il nominativo è ripetuto, probabilmente per errore.

 

96.62 - 1290. Puzolo d. Fortisbrachii de castro Grifonis accusa Angeluccio Benenchese de villa Campi di essersi impossessato abusivamente di due suoi terreni siti in loco qui dicitur Monterone; da una nota a margine dell’atto di accusa, risulta che l’imputato viene assolto (CAPITANO 1290 [15], reg. 1, cc. 322v-323v).

 

96.63 - 1291. Munaldo d. Tudini de Colle e Tudinuccio suo figlio vendono a Benvenuto di Bernardo, per due parti, e a Graziolo di Bernardino, per la restante parte, un terreno in località Castel Grifone, contado di Perugia, in Colcello Baldovini, al prezzo di 40 l.; tra i confinanti, Ranaldo d. Tudini* e i venditori. Munaldo e Tudinuccio promettono di far sì che donna Tramondesca, moglie di Munaldo, donna Francesca, moglie di Brazzolo, figlio di Munaldo, e Nardolo, fratello di Munaldo, rinunzino ad eventuali diritti di dote o di altra natura sulla terra. Garantiscono per i venditori Puccio d. Fortisbrachii de Colle e Ambrogio di Pezzolo (S. MARIA DELLA MISERICORDIA, n. 49).

*Figlio di Todino di Ranaldo?

 

96.64 - 1292. Rainaldo d. Tudini de Colle* riceve un fiorino d’oro pro complemento solutionis salarii cavalcate quam fecit cum aliis militibus perusinis qui iverunt in servitium comunis et hominum de Camerino (MASSARI 29, c. 13r).

*Figlio di Todino di Fortebraccio, in quanto fratello di Munaldo di Todino de Colle (ved. doc. seguente).

 

96.65 - 1292. Ranaldolo d. Tudini de Colle versa al comune di Perugia 15 soldi pro istrumento pacis et concordie facte per eundem cum Munaldolo eius fratre, secundum formam reformationis rectorum Artium (MASSARI 32, c. 4v).

 

96.66 - 1298. Pilonus d. Pauli militis de villa castri Grifonis comitatus Perusii et comitatensis ipsius comitatus, nobilis et natus de prole militari, qui non habet nec habuit domum in civitate vel burgis Perusii, nec alia facit propter que civis perusinus habeatur, viene condannato a 1000 libre ed al bando per cinque anni quia dictus Pilonus…iniuriose, proditorie et malo modo accessit ad Nardolum Raynalducii, filius fratris sui, et patrem suum civem perusinum et natum in civitate Perusii, habentem libram in ipsa civitate ut alii cives perusini, et flexis genibus ante eum, extrahendo sibi caputeum, petiit ab eodem Nardolo veniam dicendo : « Parce michi », et tetigit et palpavit eum si arma habebat, et ipsum percussit cum uno cultello acuto et malitioso in guture et in pectore, provocandone la morte ; se il condannato non pagherà la pena pecuniaria entro tre giorni, sarà condannato alla decapitazione.

L’ammenda viene inoltre raddoppiata quia dictus Pilonus est comitatensis et districtus Perusii et comisit homicidium in Nardolum supradictum civem perusinum et natum in civitate Perusii et habentem libram et etiam factiones et alia facientem in ipsa civitate, quemadmodum faciunt alii Perusini (PODESTA’ 1298 [29], reg. 2, c. 133rv).

 

96.67 - 1299. D. Abrunamonte d. Fortisbrachii, della parr. di S. Maria de Francolinis in P. S. Susanna, riceve una corba di grano in elemosina dal comune di Perugia (MASSARI 41, c. 4r).

 

96.68 - 1299 Ranaldo d. Tudini de Colle accusa Nicoluccio Fulcutii de castro Grifonis di aver ostruito una via posta nelle pertinenze del detto castello, in loco qui dicitur Roscena, confinante tra l’altro con l’accusatore e l’accusato (CAPITANO 1299 [24], reg. 6, c. 38rv).

 

96.69 - S. D. [ma seconda metà del secolo XII]. Uno dei testimoni che depongono in un procedimento riguardante le condizioni di alcuni homines per capitantiam che la Chiesa di S. Rufino rivendicava, afferma che vidit priorem dominum Comitem habere multa verba cum eis [homines] (S. RUFINO VIII 14. FORTINI, III, p. 346).

 

96.70 - S. D. I figli di Gislerio sono tra i confinanti di un terreno in vocabolo Case (S. RUFINO VIII 16. FORTINI, III, p. 346).

 

96.71 - S. D. [ma 1260-61]. D. Taduccio Fortis Brachii assegna crediti per 145 l. (CATASTI 1, c. 83r).

- Mignolo d. Fortis Brachii ha debiti per un totale di 23 l. nei confronti di d. Ugolino Boncontis (Ivi, c. 93rv).

- Ranalduccio d. Pauli Fortis Brachii assegna crediti per 78 l. e 10 soldi (Ivi, 94r).

- Simone d. Fortisbrachii ha debiti per un totale di 9 l. verso Bonaspene Caffarelli e Benedettolo Rubei (Ivi, 188v e 190v).

- D. Abrunamonte d. Fortisbrachii deve 9 l. e 5 soldi a  Benedettolo Rubei (Ivi, c. 190v).

 

96.72 - S. D. [1292?]. Rando [Ranaldo?] d. Tudini* assegna due cavalli e un ronzino (MISCELLANEA 13, c. 4v).

*Figlio di Todino di Ranaldo?

 

96.73 - Sec. XIII. Mignolo d. Fortisbrachii, d. Leonardo d. Fortisbrachii e Munaldo d. Tudini, de castro Griffonis, sono tassati rispettivamente per 2, 10 e 3 corbe di grano (MISCELLANEA 17, c. 8r).

 

 

 

 

96.74 - Nel Libro Rosso del 1333, Cecco detto Rubeo di Nardolo di Colle e Checchus Nannoli di Colle (FABRETTI, p. 111).

 

 

96.75 - Domini di Deruta

 

 

 

                Leonardo                                        (Rainerio)

                   1192                                                    |

                      |                                                        |

                      |                                                 Orlandino

               Rainaldo                                              1260

                 1195                                                      |

                      |                                        ________|________

                     ?                                       |                                 |

                      |                                       |                                 |

               Leonardo                         Uguccio                    Rainaldo

                q.1269                              1261                 <1247?-q.1274

                      |                                       |                                 |

                      |                                       |                                 |________?___________________

              Iacopuccio                               |                                 |                                |                        |

          <1235?-1287>                            |                                 |                                |                        |

                                                   Uguccionello                Rainaldo                   Tomassuccio      Simonello

                                                     <1285-1292>                1274                       1283                 1286

                                         

 

 

 

     

            (Oddo)                                              

              1199?                                                                        Bonifazio

                  |                                                                              di Deruta

                  ?                                                                           <1225-1234>

                  |                                                                                    |

           Salomone                                                                             |

              1199?                                                                        Ambrosino

                   |                                                                                 1288

            ___ |______?_______                                                                            

           |                                    |

           |                                    |           

     Ranaldo                        Stefano                   

<1247?-1285>                    1235                                                

 

                                                                                                 Berardo

                                                                                                 di Deruta

                                                                                                   1188

 

 

 

 

 

 

 

96.76 - 1188. Berardo de Diruta è tra i testimoni alla sommissione di Bernardino Bulgarelli per Castrum Plebis (CDP, pp. 25-26).

 

96.77 - 1192. Reonardo Deruta è podestà di Perugia (UGOLINI, p. 143).

 

96.78 - 1195. Rainaldo de Leonardo de Diruta è arbitro in un controversia tra S. Maria di Valdiponte e alcuni successori di Tancredo de Latro (DE DONATO II, p. 124).

 

96.79 - 1199. Salamon de Oddone de Diruta* è il primo nell’elenco dei testimoni all’atto di donazione effettuato dai conti di Coldimezzo dei propri beni posti nei territori di Perugia, Assisi e Todi (S. PIETRO, 26).

*Potrebbe trattarsi del padre di Ranaldo di Salamone di Deruta.

 

96.80 - 1225. D. Bonifazio de Diruta è uno degli undici milites perugini che giurano l'alleanza della loro pars col comune di Assisi (CDP. p. 228).

 

96.81 - 1234. D. Bonifazio de Diruta* è tra i confinanti di un terreno nel borgo di S. Pietro, venduto al comune di Perugia (CDP, p. 302 e 304).

*Su questo personaggio, che il Bartoli Langeli suppone appartenente alla famiglia Coppoli, ved. A. BARTOLI LANGELI, La famiglia Coppoli nella societa perugina del Duecento, in Francescanesimo e società cittadina. L’esempio di Perugia, studi storici per il VII centenario del convento francescano di Monteripido in Perugia (1276-1976), a cura di U.Nicolini, Perugia 1979 (Pubblicazioni del “Centro per il collegamento degli studi medievali e umanistici nell’Università di Perugia”, 1), p. 68.

 

96.82 - 1235. D. Stefano Salomonis e d. Iacobus Leonardi* sono tra i testimoni ad atti concernenti l’alienazione di parte del castello di Gualdo Cattaneo ad Alatrino, rettore pontificio del ducato di Spoleto (LIBER CENSUUM, pp. 547, 548).

*Si tratta di esponenti del gruppo signorile dei domini di Deruta?

 

96.82bis - 1247. Leonardo e Paolo Fortisbrachii e Rainaldo de Diruta* sono banditi dal comune, essendo stati liberati dalle carceri di Federico II in detrimento comunis Perusii (BANDITI, n. 38. CDP, p. 451).

*Si tratta di Rainaldo di Orlandino? O di Rainaldo di Salomone?

 

96.83 - 1260. Marco di Ugolino di Deruta è assolto dall'accusa di d. Orlandino d. Raynerii de Diruta di avergli sottratto un terreno (RIFORMANZE 4, c. 184v).

 

96.84 - 1261. D. Uguccio Orlandini e d. Rainaldo Orlandini de castro Dirute sono condannati a 10 l. ciascuno per non essersi presentati a palazzo per un debito di 7 l. e 4 soldi, che Capriolo di Martino reclamava come prezzo di un bove (BANDITI, n. 781).

 

96.85 - 1269. Iacopuccio olim d. Leonardi de Diruta* è condannato a 4 l. per aver spintonato frate Paolo, clericus del vescovo; suo fideiussore è Petruccio di d. Gualfredo (CAPITANO 1263-73 [1], reg. 3, c. 52r).

*Nipote di Rainaldo di Leonardo?

 

96.86 - 1270. Ranaldo d. Salamonis de Diruta è arbitro nella controversia tra il monastero di S. Pietro di Perugia e gli uomini di Casalina (S. PIETRO, p. 168).

 

96.87 - 1274. Allevuccio Deruptani di Deruta è condannato a 100 l. per aver aggredito e percosso Rainaldo q.d. Rainaldi de Derupta (PODESTÀ 1270-73 [5], c. 93r).

 

96.88 - 1282. Iacopuccio d. Ranaldi*, ad petitionem fratris Benvegnatis, riceve 10 libre pro petreta et loco unde et ubi extracti sunt lapides pro ponte Dirute dato ipso fratri pro ipso opere faciendo (MASSARI 16, c. 27r).

*E’ il figlio di Leonardo di Rainaldo, designato con il nome del nonno?

 

96.89 - 1283. Donna , moglie di Ugolinuccio di Ugolino di Deruta, è condannata a 10 libre, alla perdita della dote et totius debiti maritalis in quanto, secondo l’accusa del marito, ut mulier impudica secessit a domo sua cum Thomassutio d. Rainaldi* et aliis pluribus, adulterium commisit ut mulier publica (CAPITANO 1283 II [7 b], reg. 4, c. 275v).

*Essendosi i fatti svolti nell’ambiente derutese, è probabile che costui sia figlio di Rainaldo di Orlandino.

 

96.90 - 1285. Uguccionello d. Uguitionis de Diruta (P. S. P. , parr. di S. Maria di Mercato) è allibrato per 150 l.; d. Ranaldo d. Salomonis (P. S. P. , parr. di S. Isidoro) lo è per 1500 l. (LIBRA 1285, pp. 236 e 237).

 

96.91 - 1286. Vannolo Bartholomei de castro Dirute è assolto da un’accusa non specificata rivoltagli da Simonello d. Rainaldi*. Quest’ultimo è a sua volta condannato a 20 soldi per non aver portato avanti l’accusa contro il detto Vannolo; dal testo della condanna si inferisce che tale accusa si riferiva ad una pretesa violazione di proprietà relativamente a un salcetum nelle pertinenze di Deruta (CAPITANO 1286 II [11 b], reg. 4, c. 39r; reg. 5, c. 357r).

*Figlio di Rainaldo di Orlandino?

 

96.92 - 1287. Mafuccio Iacopi maysti Mafei de castro Dirute è condannato a 20 soldi per non aver portato avanti l’accusa da lui rivolta a Iacopus d. Leonardi di aver occupato abusivamente un suo terreno (PODESTA’ 1286-87 [17], reg. 3, c. 50v).

 

96.93 - 1288. Ambrosino d. Bonifazii è tra i confinanti di un terreno nelle pertinenze di Monte Nero, in Renario Morelli, presso il Tevere (CAPITANO 1288 [13], reg. 2, c. 13r).

 

96.94 - 1292. Zonolo [Uguccionello] d. Uguitionis de Dirutane accusa Gaudino Peri di Perugia, P. S. Pietro, di averlo aggredito in casa sua, sita in castro Dirute; a margine dell’atto di accusa vi è la notazione: “condempnatus accusator”. A sua volta, il detto Gaudino accusa Uguccionello di averlo assalito a mano armata insieme a Ceccolo Gratie, bandito dal comune per omicidio; anche qui, l’accusatore viene condannato, come risulta da una notazione marginale. La doppia condanna porta comunque ad una assoluzione incrociata dei due (CAPITANO 1292 [17], reg. 2, cc. 47r-48v, 49r-50r; reg. 3, cc. 44v-45r).

 

96.95 - Sec. XIII. D. Ranaldo d. Salomonis de Monte Nigro* è tassato per 6 corbe di spelta e 2 corbe di grano (MISCELLANEA 17, c. 6v).

*Si tratta certamente di Monte Nero nel contado di P. S. P. , vicino a Deruta.

 

 


 

97

 

 

Scarinci  [lambardi di Coceto]

 

Perugia

 

 

                                         Paganello

                                         ante 1182

                                                |

                                                |

                                        Girardino

                                        Ante 1199

                                                |

                                ________|________________________     

                               |                              |               |                  |

                               |                              |               |                  |

                       Scarincio                   Guido       Ugo         Paganello

                  <1174-q.1195                 1197        1197          1197

                               |

           __________|____________________________

          |                      |                    |                                  |

          |                      |                    |                                  |

   Avultrone      Rainuccio      Alberto                         Atto

<1195-1206> <1206-1207>    1208                           1215

                                                     |                                   |

                                                    ?                       ______|______                         (Panzo)

                                                     |                      |                         |                              |

                                                     |                      |                         |                              |

                                              Bonaspes       Rainerio             Azzolino                 Ugolino

                                                1255             1256                  1256                        1264

 

 

 

 

 

97.1 - 1174. Tra i testimoni ad un atto di donazione a S. Maria di Valdiponte, Scarincio de Tocito [Coceto] (DE DONATO II, p. 17).

 

97.2 - 1182. Il campo di Lonzano che il marchese Rainerio vende al detto monastero, era stato in precedenza dato in pegno da lui anche a Paganello de Coceto (DE DONATO II, p. 48).

 

97.3 - 1187. Scarincio de Girardino de Coceto è investitor nell'atto di compravendita stipulato tra la contessa Maria, vedova del marchese Rainerio, e il monastero valpontese (DE DONATO II, p. 74).

 

97.4 - 1195. L'abbate di S. Maria di Valdiponte, su mandato di Avultrone Scarincii e di Rofengolo, arbitri eletti dalla due parti, concede in enfiteusi ai figli del q. Scarincio tutto il terreno che il monastero possiede nell'area di Staffole, articolato in più appezzamenti, con l'annuo canone di 12 denari, più la decima. Come entratura, i figli del q. Scarincio refutano al concedente i Conversi, con i loro possessi e le loro persone (DE DONATO II, n. 176).

 

97.5 - 1197. Guido de Giraldino de Paganello, anche a nome dei fratelli Ugo e Paganello* e delle sue sorelle, refuta al detto monastero due famiglie di homines, vari terreni e un molino nelle pertinenze di Colognola e, in generale, tutto ciò che fu loro concesso da una sentenza del vescovo perugino Viviano, emessa a conclusione di una vertenza tra essi e il monastero stesso (DE DONATO II, n. 177).

*Guido, Ugo e Paganello dovrebbero essere fratelli di Scarincio di Coceto; ciò sia per il patronimico comune, sia perchè si identificano certamente con i lambardi de Cocetola per i quali ved. infra, 97.11.

 

97.6 - 1199. Tra i confinanti di un terreno in asio Rance...in loco qui dicitur Curte, res Girardini de Paganello* (DE DONATO II, p. 143).

*Pur trattandosi sicuramente del padre di Scarincio di Coceto e fratelli, il fatto che il nome di lui compaia nelle confinazioni dei terreni non significa necessariamente che nel 1199 egli fosse ancora vivo!

 

97.7 - 1206. Tra i confinanti di terreni a Caligiana e Colognola, Avultrone e Rainuccio Scarincii (VALDIPONTE 242).

 

97.8 - 1207. Rainuccio Scarinci è investitor in un atto di permuta relativo a terreni posti in Colognola, presso S. Maria di Rance (VALDIPONTE 244)

 

97.9 - 1208. Tra i confinanti di un terreno in pertinentiis Dafriani in colle Dafriani et in Laceola, Alberto Scarinci (VALDIPONTE 250).

 

97.10 - 1215. Tra i confinanti di un terreno a Rance, Atto Scarinci (VALDIPONTE 303).

 

97.11 - [1218]. Un testimone, che depone nell'ambito della controversia tra S. Maria di Valdiponte e Guido Zaconis, a proposito degli homines che il monastero rivendicava a sé in territorio di Colognola, presso Rance, dichiara che il possesso di essi da parte del monastero stesso non è mai stato messo in discussione, se non quando esso ebbe una questio* con i lambardi de Cocetola, "vinta" però dal monastero nel placitum.

Un altro testimone, prodotto da Guido per provare la dipendenza degli homines in questione dai marchiones, da cui li aveva acquistati, afferma che Scarincius vessconte** predabat et spredabat et accipiebat...servitia pro dictis marchionibus ab hominibus et ab ecclesia dicte terre [di Colognola] de qua non recordatur de nomine (VALDIPONTE 1121. TIBERINI 1993, p. 72).

*La questio cui si fa qui riferimento dovrebbe essere quella di cui si parla nel 1197, anche se da quest'ultimo atto non emerge con evidenza che il monastero l'abbia "vinta": infatti quel Rainaldo di Garzo di cui sono figli Cortosonno, Albertino, Rainerio e Guido, alcuni tra gli homines oggetto della lite del 1218,  è uno dei due capifamiglia che vengono ceduti nel 1197, mentre l'altro è il di lui fratello Matteo.

**Costui, dati la relativa singolarità del nome e i luoghi in cui i fatti si sono svolti, può essere senz'altro identificato con Scarincio di Coceto.

 

97.12 - 1255. Bono del q. Anastasio da Preggio vende a Bonaspes doni [così] Alberti de Orsciano* un terreno a Cerbasciano, al prezzo di 15 l. (VALDIPONTE 684).

*Questo Alberto da Orgiano, non lontano da Coceto, può essere identificato con Alberto di Scarincio?

 

97.13 - 1256. In un contratto di enfiteusi riguardante terreni a Preggio, si eccettuano dal vincolo due terreni nella curia di Preggio in parochia S. Bartolomei de Fresseneto in Valbaruczola che il concessionario ha acquistato da Rainerio e Azzolino sive ab Aczone Scarincii loro  padre (VALDIPONTE 699).

 

97.14 - 1264. Ugolino d. Pançi de Coceto* viene citato per un debito di 18 libre meno 5 soldi verso Bartolo Duili Saciis (SBANDITI 2, c. 319v).

*Come si colloca costui nell’ambito della famiglia? Il patronimico “Pançi” potrebbe far anche pensare ad un lapsus del notaio, il quale avrebbe scritto “de Coceto” invece che “de Cortonio”, ove invece fiorì nei secc. XII-XIII una famiglia di questo nome, nell’ambito della quale si trova proprio in questo lasso di tempo un Ugolino Pançi (RIGANELLI 2002, pp. 70-72).   

 

 


 

98

 

 

Domini di Scheggia

 

Gubbio

 

 

                                                                            Alberico

                                                                        q.[1143-59]

                                                                                  |

                                                                                  |

                                                                            Ugolino

                                                                    <1136-[1143-59]>

                                                                                  |

                                                                                  |

                                                                            Albertino

                                                                               1172

 

98.1 - 1136. Ugo de Alberico è tra i testimoni ad un atto di compravendita riguardante due privati (CENCI, n. 152).

 

98.2 - [1143-1159]. Ugolino filius q.Albrici promette all'eremo di Fonte Avellana di non togliere, anzi di difendere, castrum Sclizie, di non permettere alcuna rapina nel territorio di esso e di riparare ad eventuali furti, a giudizio di boni homines del castello. Eccettua dalla promessa quicquid pro melioratione et laboratione eiusdem castelli fecerimus. ..predia et possessiones extraneorum hominum et quicquid mihi et vobis per virtutem ablata sunt ab extraneis hominibus. Inoltre promette di aiutare il monastero e gli homines di esso che avranno prestato un simile giuramento nei suoi confronti ex vestro bono usu et derictu in curte predicti castelli ab omni persona hominum. Inoltre, si quis ex meis angaialibus mihi debitum servitium subtraxerit et postquam requisitus fuerit a me et habitatoribus castelli infra triginta dies non emendaverit, liceat mihi infra senaitas eum depredari...et inde excipio si quis extraneus vestra poma tulerit donec mecum permanserit et si quis ex familia mea usque XX poma vel duas vel tres uvas ex vestra vinea furtim vel palam acceperit (FONTE AVELLANA 2, n. 254).

 

98.3 - 1157.Ugolino Alberici* dona pro anima alla canonica di S. Mariano di Gubbio una famiglia di homines, con il suo peculium vel aggregatum, ricevendo però 5 soldi (CENCI, n. 252).

*Si tratta dello stesso personaggio di cui sopra?

 

98.4 - 1172. Albertino Ugolini, Alberici filius, dona pro anima all'eremo di Fonte Avellana i beni immobili che detiene dall'ospedale della Foce Muliermale, eccettuati i terreni dati in enfiteusi ad altre chiese, nonchè la propria parte del castello e della curtis di Scheggia, nel comitato di Gubbio, cum mansis et hominibus, vineis et donicatis, a condizione che tali beni gli siano lasciati in enfiteusi per l'annuo censo di una casata. Vi è anche la clausola che, se Albertino morrà senza figli legittimi e qualcuno dei suoi parenti vorrà ottenere tali beni in enfiteusi, questi ultimi dovranno versare all'Eremo 40 l. di infortiati; se invece gli nasceranno soltanto figlie femmine, queste non godranno del diritto ereditario su tali beni immobili ma dovranno ricevere una dote in beni mobili, da parte del padre se sarà ancora in vita, o da parte del monastero se sarà premorto (FONTE AVELLANA 2, n. 280).

 

 


 

99

 

 

Domini di Serralta

 

Gubbio-Cagli-Nocera

 

 

 

             Brancaleone                                                            Alberto

            <1194-1197>                                                           q.1223

                       |                                                                           |

                       ?                                                                          ?

                       |                                                                           |

               Bonabranca                                                             Sasso

                  q.1239                                                          <1207-q.1239

                      |                                                                           |

                      |                                                                           |______________

                Alberto                                                                      |                             |

           <1234-1252>                                                                 |                             |

                      |                                                                      Armaleo              “fratelli”

                      ?                                                                  <1228-q.1281             1228

                      |                                                                           |

                 Branca                                                                      |_______________

                  1277                                                                        |                              |

                                                                                                  |                              |

                                                                                             Anticus                   “eredi”

                                                                                         <1260-1296>               1281

 

 

Rigo, nipote di Sasso di Alberto di Serralta

                        1223

 

 

 

Quali rapporti ci siano stati tra tali soggetti signorili, ambedue aventi la loro base nel castrum di Serralta, non è dato sapere

 

 

99.1 - 1194. Brancaleone de Serralta cede all'eremo di Fonte Avellana tutti gli usi e gli abusi che finora ha avuto sugli uomini e i beni dell'Eremo stesso, dovunque abitino e si trovino; inoltre dona pro anima una parte del castello e curtis di Campetri, con gli homines e le possessioni, entro i confini specificati (FONTE AVELLANA 2, n. 344 bis).

 

99.2 - 1197. Tra i confinanti di una clausura nel territorio di Campetri, restituita al detto Eremo, Brancaleone (FONTE AVELLANA 2, n. 359).

 

99.3 - 1207. Innocenzo III, sotto pena di interdetto, ingiunge ai consoli e al comune di Senigallia di far desistere certi nobili di Nocera, Gubbio, Cagli e Senigallia ed i loro fautori dall'infuriare contro l'eremo di Fonte Avellana e di costringerli a restituire le cose rubate e a riparare i danni causati; tra questi nobili, Sasso de Seralta e i Serraltenses (FONTE AVELLANA, 3, n. 392).

 

99.4 - 1207. Tra i confinanti di un terreno nel comitato nocerino, in curia Lictie in Pescarie, Saxus Seralte (FONTE AVELLANA 3, n. 395).

 

99.5 - 1217. Onorio III, ad istanza del priore e della comunità di S. Croce di Fonte Avellana,  che accusavano Sasso de Seralta ed altri delle diocesi di Nocera e Gubbio di aver usurpato possessioni ed altri beni, ordina al vescovo di Gubbio e al priore di S. Mariano di Gubbio di convocare ed ascoltare le parti contendenti e di far osservare quanto giudicheranno giusto stabilire per dirimere la controversia (FONTE AVELLANA 3, n. 425).

 

99.6 - 1223. Il priore di Fonte Avellana si impegna verso Sasso filius q.Alberti*, che stipula anche per il nipote d. Rigo**, a consentire ad entrambi ed ai loro eredi il pacifico possesso della quinta parte di castrum Leze nella diocesi di Nocera, eccetto un casalino tenuto dal figlio di Lizzus di Guiduccio, che riserva per la chiesa (FONTE AVELLANA 3, n. 466).

*Si tratta di Sasso di Serralta?

**Nipote da parte di padre o di madre? Qal era il nome di suo padre?

 

99.7 - 1223. Tra i confinanti di un terreno in Casalinus Berardi, Sasso de Serralte (FONTE AVELLANA 3, n. 467)

 

99.8 - 1228. D. Armaleo cum fratribus è tra i confinanti di un terreno in curia Varree, comitato di Nocera (FONTE AVELLANA 3, n. 508).

 

99.9 - 1234. D. Alberto Bonebranche* è tra i testimoni alla donazione da parte di Ugolino di Grifoglieto e di Marsilione Corradi del terreno necessario per l’edificazione di Colle Pergola  (Gubbio diplomatico, XIV 5).

*A giudicare dal patronimico, potrebbe trattarsi di un nipote di Brancaleone di Serralta, ammettendo che il “marchio” distintivo della famiglia sia stato il prefisso, o suffisso, Branca; si tenga presente che, probabilmente, un figlio di Alberto si chiama Branca (ved. infra, 99.22).

 

99.10 - 1235. [Nella diffida rivolta da Gregorio IX al comune di Perugia riguardo all'ostilità dello stesso verso il castello di Pergola costruito dagli eugubini, tale castello viene detto castrum quod Seralta seu Collis Pergule dicitur] (CDP, p. 332).

 

99.11 - 1235. D. Armaleo Saxonis de Seralta, per sé e per i suoi eredi, promette a d. Jacobus, sindaco e procuratote del comune di Cagli, di esser civis di Cagli in perpetuo et quod fatiet…hostem et parlamentum in favore del detto comune come gli altri milites cives callenses. Armaleo promette inoltre di reficere et reactare il castrum di Montaiate e di tenerlo ad honorem civitatis Callis; tale promessa viene da lui effettuata in qualità di tutore dei figli di Enrico, Riguccio e Munalduccio, eredi del castello. In cambio, il sindaco del comune promette ad Armaleo 150 libre ravennati e anconitane inter domum, vineam et terram,  ed una somma uguale in denaro liquido; si impegna inoltre, a nome del comune, sia con il detto Armaleo che con i suoi pupilli a non recipere i loro homines in città e a semper manutenere eos et eorum homines et castellanos ad habitandum Seralte et Dullione et Montaiati, ubi de antico steterint et habitaverint et manutenere çironem castri Montis Iati et Dullionem et Seraltam post quam predicti refecerint, excepto contra papam, imperatorem et eorum nuntios…et dare iuvamen et adiutorim eidem Armaleo ad aptandum çironem Montisiati et eum manutenere; quod dictus Armaleus promisit dicto syndico…facere suos homines et castellanos, ubicumque alio sint, habitare et stare in predictis locis (Archivio del Capitolo cattedrale di Cagli, Pergamene, n. 22).

 

99.12 - 1237. D. Armaleo de Seralta e d. Alberto Bonebranche sono tra i testimoni alla sommissione di Rainaldo di Bellisio al comune di Pergola (Gubbio diplomatico, III 133).

 

99.13 - 1239. D. Armaleo filius q.Saxonis de Serralta rilascia al comune di Cagli una quietanza in cui si dichiara soddisfatto di aver ricevuto beni immobili per il valore di 150 libre; tuttavia, a conclusione dell’atto, lo stesso Armaleo, rinunciando ad ogni ulteriore pretesa, cassat et infringit… omnes sententias si que sunt pro illis trecentis libris quas comune Calli tenebatur eidem Armaleo dare et sententiam latam a domino R. iudice generali in Marchia et omnes alias pro hiis latis et factis vel earum occasione (Cagli diplomatico, pergamena non inventariata).

 

99.14 - 1239. Alberto quondam filius Bonebranche de Serralta, vende a Clario, rettore di Montesecco, ricevente a nome dell’eremo di Fonte Avellana, due terreni. Tra i testimoni, d. Ugolino di Griffoleto (FONTE AVELLANA, 4, n. 600)

 

99.15 - 1247. Tra i confinanti di un terreno in colle Vacario, curia di Varrea [?], d. Alberto de Serralta (FONTE AVELLANA, 4, n. 668 p. 184)

 

99.16 - 1250. Tra i confinanti di un terreno in curia Vallis Ree ubi dicitur Terra Tallata, i nipoti del venditore di essa pro domino Armaleo (FONTE AVELLANA, 4, n. 686).

 

99.17 - 1250. D. Armaleo risulta essere consul del castrum di Montesecco; un suo vicario, con il consenso del Consiglio generale dello stesso castello, nomina un procuratore per sottomettere il castello a Gubbio (Gubbio diplomatico, IV 18 [4])

 

99.18 - 1252. D. Armaleo d. Saxxonis e d. Alberto Bonebranche de Seralta fungono da garanti a favore degli eredi di Frateleone di Campetri, riguardo al rispetto da parte loro degli accordi stipulati a proposito del detto castello con l’eremo di Fonte Avellana (FONTE AVELLANA, 4, n. 701)

 

99.19 - 1260. Anticus d. Armalei, insieme a Ivano [?] di Bellisio, Ugolino di Griffoleto e altri, è testimone ad un atto di cessione all’eremo di Fonte Avellana da parte di Vincileone del fu Guido di Fenigli (FONTE AVELLANA, 5, n. 791).

 

99.20 - 1272. Anticus d. Armalei, per proprio conto e come rappresentante di altre 14 persone, si rappacifica con il rappresentante del comune di Colle Pergola e, insieme ad esso, promette al podestà e al rector comunis di Gubbio di tenere…castrum Collis Pergule cum sua curia et districtu…in pace et concordia et bono et pacifico statu, ad honorem et reverentiam comunis Eugubii, et parere et obedire predictis dominis potestati et rectori (Gubbio diplomatico, IX 8, X 1-2)

 

99.21 - 1276. In una permuta tra il monastero di S. Maria di Sitria e l’eremo di Fonte Avellana, quest’ultimo riceve terras et vineas, pascua et aquimina, homines et vasallos et servitia omnia ab ipsis debita, domos et casalena, posseduti dal monastero in castro Litie et eius curia et districtu, in comitato nocerino; tali beni, già concessi da S. Maria di Sitria a d. Armaleo d. Sassonis in feudum sive in infiteosin o in altro modo, erano stati venduti da Armaleo a Ranaldo di Sicardo, il quale a sua volta li aveva ceduti all’eremo di Fonte Avellana, che li deteneva al momento della stipula dell’atto. In cambio, il sindaco dell’eremo cede al monastero di Sitria la somma di 125 libre ravennati e anconitane, più un terreno; tale cessione viene confermato in un lodo tra i due enti religiosi, celebrato dal vescovo di Nocera dopo alcuni giorni (FONTE AVELLANA, 6, nn. 1061, 1064).

 

99.22 - 1277. Tra i testimoni ad un mandato di procura della comunità di Colle Pergola, Branca d. Alberti* (Gubbio diplomatico, X 6 [1]).

*E’ un figlio di Alberto di Bonabranca?

 

99.23 - 1281. Tra i confinanti di un terreno nella curia di Serralta, comitato di Nocera, in valle Fabrorum, gli eredi di d. Armaleo (FONTE AVELLANA, 6, n. 1143)

 

99.24 - 1282. Anticus d. Armalei de Serralta cede a Rainalduccio Jacobi qui Hoclus vocatur e ai suoi eredi i suoi diritti su alcuni beni, come compenso per altre proprietà ricevute contestualmente in cambio; tra i beni ceduti, cassalinum de castelare Serralte ubi fuit palatium, cum medietate petra(m) et lapidem, sicut est terminatum (FONTE AVELLANA, 6, pp. 310-311).

 

99.25 - 1296. Anticus d. Armalei de Pergula è tra i testi sentiti in una causa tra i comuni di Gubbio e Sassoferrato per questioni di confine (SASG, Cause, n. 45, c. 16r).

 

 


 

100

 

 

Domini di Sioli

 

Gubbio-Città di Castello

 

 

                                                             Suppo

                                                            q.1223

                                                                  |

                        _____________________|___________________________?_________ 

                       |                                          |                                      |                                   |

                       |                                          |                                      |                                   |

              Bernardino                        Brunamonte                      Rainaldo                      Rainerio

                  1209                            <1209-q.1246                 <1209-q.1269                     1197

                                                                  |                                      |

                                _________________|_______                    __|_____

                               |                  |               |              |                  |                |

                               |                  |               |              |                  |                |

                        Ugolino       Suppo      Venzolo   Filippo      Ginolo     Iacopuccio

                        ante 1250- ante 1250-  <1259-    1246           1280        q.1294

                            1298           1269          1269>     |                                   |

                               |                                                ?                                  |

                               |                                                |                                   |

                         Puccio                                      (Barilis)                        Naldo

                          1297                                             |                          <1294-1295>

                                                                               |

                                                                   fra’Filippo, abbate

                                                   di S. Bartolomeo di Camporeggiano

                        Tutius                                          1294

                         q.1298

                              |

                    _____|______

                   |                       |  

                   |                       |

            Riguccio        Guiduccio

         <1295-1298>        1298

 

Nel 1147. Rainaldo di Rudolfino, per ordine dei consoli eugubini, refuta alla canonica di S. Mariano totam curtem Valii sicut Cono Rainerii dedit predicte canonice...et quicquid canonica habet in castro et curte Siole da Pagano de Seziano [così]; tra i testimoni all’atto vi è un Suppo Ubaldi (CENCI, n. 206). Tra i vari personaggi con tale nome, quest’ultimo a prima vista potrebbe essere il padre di Brunamonte e di Rainaldo, vista la collocazione dei possessi oggetto del contrattto; tuttavia la presenza insieme a lui tra i testimoni di un suo figlio di nome Alberto, già dunque in età legale nel 1147, rende difficilmente sostenibile questa ipotesi, a causa della eccessiva distanza cronologica tra costui e i suoi altri pretesi fratelli. Non è tuttavia da escludere la possibilità che Alberto di Suppo fosse già allora padre di un altro Suppo, a sua volta genitore dei signori di Sioli documentati nella prima metà del Duecento

 

 

100.1 - 1197. La canonica di S. Mariano di Gubbio dà in enfiteusi a varie persone, tra cui Rainerio Suppoli*, la metà di tutti i beni che Pagano di Fuscardo e sua moglie avevano donato alla stessa canonica in curte et in castro Siole et in Podio Senzani et eius curte; si tratta di vari casamenta, termine che qui dovrebbe stare per mansi, intesi come poderi dei servi casati (CENCI, n. 443).

*Si tratta di un altro fratello di Rainaldo e di Brunamonte?

 

100.2 - 1209. Brunamonte, col consenso della madre donna Guiduccia e del suo tutore Bos, vende al monastero di S. Bartolomeo di Camporeggiano un mansum de terra...in territorio S. Donati, entro i seguenti confini: fluviun Asini et vadit usque ad ecclesiam de Ranco de Urlo [Orno?] et ascendit ad ecclesiam Campaule et tendit ad Crucem Bagnoli et inde descendit in fossam Sciole et revertitur in Assino; tenens del manso era stato Ubaldolo Peczali. Viene anche venduto ciò che avevano in pegno Guido fratello di Mirolfo [?] e Daniele. L'atto è rogato in castro Goregii. Brunamonte si obbliga anche a far sì che suo fratello Rainaldo, divenuto maggiorenne, ratifichi l'atto; vi è anche il consenso della madre, dato in presenza di d. Giovanni, presbiter di Sioli, e di Bernardino, figlio naturale di Suppo (ARMANNI I B 14, cc. 31r-32r).

 

100.3 - 1217. Nel secondo lodo di Pandolfo de Sigura, tra le comunità e i signori che hanno aiutato il comune di Perugia nella guerra contro gli eugubini, Abrunamonte de Suppo et homines sue terre et frater [Rainaldo]; tra i testimoni, Abrunamonte de Sciola (CDP, pp. 171 e 175).

 

100.4 - 1223. Essendo sorta una controversia tra Giovanni, vescovo di Città di Castello, e Brunamonte e Rainaldo, filii q.Suppi de Siole, super castro Verne, famulis, terris, vineis, et super plebe de Runte bonis et rebus ad eam spectantibus, et rebus aliis positis in plebatu plebis eiusdem, gli interessati rimettono la definizione del caso a Ugo di Ugolino Latini; sulla base del lodo da lui emesso, i due fratelli si impegnano a cedere tali beni al vescovo, dietro pagamento di 160 libre di denari pisani .

Nello stesso giorno, il detto Brunamonte rilascia quietanza per 24 libre di denari pisani dovuti dal vescovo in forza del detto arbitrato (BARNI, pp. 117-118; AVC, reg. 1, c. 54v).

 

100.5 - 1224. Con due distinti atti, Brunamonte e Rainaldo filii q.Suppi rilasciano al vescovo tifernate ricevuta per 24 libre di denari pisani ciascuno, ricevute in forza del lodo del 1223 (AVC, reg. 1, c. 104r).

 

100.6 - 1230. D. Brunamonte de Syola/de Siola è tra i testimoni di due atti componenti il trattato tra Perugia e Città di Castello (CDP, pp. 252 e 254).

 

100.7 - 1231. D. Brunamonte e Rainaldo filii q. Supi de Siole promettono all'arciprete della pieve di Agnano di manutenere e aiutare la detta pieve contro chiunque, in cambio della promessa da parte del detto arciprete di dare annualmente, per la festa di S. Michele, 2 soldi ravennati per ogni famiglia della pieve, et hoc valeat quantum placuerit tibi d. Petro [arciprete] vel tuis successoribus (S. MARIANO XXI 3).

 

100.8 - 1233. Due ambasciatori del comune di Città di Castello ordinano a d. Brunamonte de Syole che, all'atto del ricevimento dell'ingiunzione, si trova nel comitato di Perugia presso la chiesa di S. Salvatore, di venire con loro a Città di Castello per obbedire agli ordini del comune riguardo al castello e agli uomini di Certalto, in forza della giurisdizione che la città vanta su di esso, per partecipare all'exercitus super civitatem Urbini, insieme ai suoi uomini. Brunamonte risponde affermativamente (LIBRO NERO, c. 128r).

 

100.9 - 1237. Risulta che d. Brunamonte de Siole era stato arbitro in una controversia tra la pieve di S. Veriano e Manente e Fordevoglia del q.d. Albertino e la loro madre Conciata (S. MARIANO XXII 22).

 

100.10 - 1238. [Il priore e rettore della chiesa di S. Paolo di Campaula dichiara al podestà di Città di Castello, che si trova con l'esercito tifernate all'assedio del castello di Certalto, che la sua chiesa è nel comitato ed episcopato castellano e dipende in tutto dal vescovo di quella città] (LIBRO NERO, c. 128r).

 

100.11 - 1239. Il procuratore del comune di Perugia promette al rettore del Patrimonio  e del Ducato, con la fideiussione di venti cittadino, di garantire i diritti che Città di Castello, Gubbio e  d. Rainaldo e d. Abrunamonte, domini de Siole, vantano sul castello di Certalto, di mantenere l'integrità del medesimo castello e di promuovere la pace, o almeno una tregua, tra Castellani ed Eugubini (CDP, nn. 184-185).

 

100.12 - 1243. D. Brunamonte de Siole, anche a nome del fratello Rainaldo, dal quale è nominato procuratore con apposito atto, si appella a tre giudici imperiali, in quanto il comune di Città di Castello ha distrutto e saccheggiato il castello di Certalto, di proprietà pleno iure del monastero di S. Salvatore di Monte Acuto e concesso in enfiteusi ai due fratelli, e il castello di Montevalentino, appartenente pleno iure a Brunamonte. Quest'ultimo chiede il risarcimento dei danni, minutamente elencati, sia sui beni distrutti sia in termini di mancati redditi agricoli e "bannali" non percepiti nei cinque anni che hanno seguito la distruzione del castello.

Il sindaco tifernate si difende affermando che non si può nè si deve fare alcuna stima dei danni dati tempore scismatis vel antequam predicta Civitas Castelli et fratres predicti ad dominium revertentur imperii et ad manus principis devenirent. I giudici danno ragione al sindaco castellano (LIBRO NERO, cc. 94v-95r. CDP, p. 401 nota 3).

 

100.13 - 1239-45. Da vari atti risulta che, in questo lasso di tempo, vari uomini di Certalto cedono le loro case nel castello, ricevendone in cambio dal comune tifernate altre a Città di Castello. Nel 1245 inoltre 40 uomini di Certalto giurano il sacramentum comunis nelle mani del vicecomes dei castelli di Montelardario, Bagnoli, Montevalentino, Certalto; il giuramento è prestato nel comitato castellano, in curia que olim fuit castri Certalti, apud S. Benedictum (LIBRO NERO, cc. 95r-101r).

 

100.14 - 1246. Il comune di Gubbio nomina un procuratore per ricevere le obbligazioni di d. Ranaldo de Siole, di Filippo d. Brunamontis de Siole e degli altri figli di Brunamonte* riguardo il castello di Certalto e la sua curtis e pertinenze.

Con atto immediatamente seguente, d. Rainaldo Suppi de Siole promette al comune di Gubbio: 

di completare la costruzione, o la ricostruzione, delle fortificazioni di Certalto e di manutenere et salvare il castello ad honorem, servitium et utilitatem del detto comune;

di tenere il castello a disposizione del comune eugubino ad pacem et guerram, exercitum et parlamentum, come gli altri comitatensi;

di non sottometterlo ad altri.

Rainaldo ha avuto dal comune 300 l., 300 stai di calcina e fanti e balestrieri per la difesa del castello (ARMANNI 2 XI 1).

*In questa data, Brunamonte dovrebbe essere morto, in quanto la sommissione del castello di Certalto avviene senza che di lui si faccia cenno, mentre invece si menzionano i suoi figli.

 

100.15 - 1250. D. Rainaldo de Siole, insieme a Tiberio di d. Ugo, è nominato procuratore del comune di Gubbio per ricevere la sommissione di Montesecco (Gubbio diplomatico, IV 17).

 

100.16 - 1250. Sei persone si dichiarano homines per capitantiam del monastero di S. Bartolomeo di Camporeggiano, promettendo di dare datium et omnia alia servitia que quilibet eorum facere et dare consuevit seu consueverat d. Brunamonti de Siole vel filiis eius, videlicet Suppo et Ugolino seu aliis pro eis (ARMANNI I B 14, c. 27rv).

 

100.17 - 1256. D. Rainaldo de Siole fa quietanza per amor di Dio a d. Miliano, canonico di S. Mariano, stipulante per la detta canonica e per la pieve di S. Veriano, pro afictu che doveva ricevere dalla detta pieve (S. MARIANO XXVI 9a).

 

100.18 - 1256. D. Ranaldo de Siole è tra i testimoni di una promessa di pagamento stipulata a Gubbio dai procuratori dei Francescani di Perugia relativa all’acquisto dell’oratorio perugino di S. Matteo dall'eremo di Fonte Avellana (FONTE AVELLANA, 5, p. 70).

 

100.19 - 1259. Venciolo d. Brunamontis è tra i soggetti signorili che sono stati danneggiati dagli eugubini in quanto alleati di Perugia nella guerra con Gubbio, e che il lodo Valcelli decreta debbano essere reintegrati nel possesso dei loro beni e diritti (DIPLOMATICO VII 11 10. BARTOLI LANGELI 1969, pp. 379 e segg.).

 

100.20 - 1261. D. Ranaldo de Siole e Suppo d. Brunamontis sono tra i testimoni ad un lodo tra i signori di Poggio Manente e il monastero di S. Bartolomeo di Camporeggiano (ARMANNII B 14, cc. 18v-19r).

 

100.21 - 1263. D. Ranaldo de Siole e Ugolinuccio d. Brunamontis de Siole sono tra i testimoni ai patti tra gli uomini di Montesecco e il comune di Gubbio (SASG, Libro Rosso, cc. 49v-50r).

 

100.22 - 1265. D. Ranaldo de Sciola è tra i testimoni all’atto in cui i procuratori del comune di Gubbio e dell’eremo di Fonte Avellana compromettono nell persona del cadinale Uberto di S. Eustachio (ARMANNI 2 XVI 9).

 

100.23 - 1265. Il nobilis vir Ranaldus de Sirola Eugubine diocesis e suo nipote Ugolino de Sirola sono tra i testimoni al lodo arbitrale celebrato dal cardinale Uberto di S. Eustachio tra l’eremo di S. Croce di Fonte Avellana e il comune di Gubbio (Gubbio diplomatico VIII 5. SASG, Libro Rosso, c. 61v)

 

100.24 - 1269. Venzolo d. Brunamontis de Siole, qui in castro Benni moratur, anche a nome dei suoi fratelli Suppo e Ugolino e degli eredi del q.d. Rainaldo de Siole e di tutti gli altri de domo eorum, affrancano due famiglie di homines, insieme a una chiusa vignata in villa sive parrochia ecclesie S. [Marie] de Merte; ciò al prezzo di 149 l. e in cambio della refutatio et restitutio delle possessioni e della casa di Civitella [Comitum]; l'atto è ratificato da donna Imildina e donna Maffia, rispettivamente madre e moglie di Venzolo. Il testo del contratto si dilunga sulla descrizione delle varie obbligazioni da cui le famiglie vengono affrancate (MONTE ACUTO 1, cc. 11rv e 12r).

 

100.25 - 1280. Nella più volte citata memoria difensiva presentata dal comune di Gubbio per comprovare i diritti sul suo contado, anche i domini et nobiles de Syole vengono annoverati tra le famiglie signorili sottoposte al comune di Gubbio per tempus cuius non extat memoria (Gubbio diplomatico, XIII 8).

 

100.26 - 1280. In un accordo tra Ginolo d. Ranaldi de Siole e un Armanno non meglio qualificato si parla di 250 l. che Ginolo aveva promesso ad Armanno, di una fideiussione che Ginolo si era assunto e per la quale Armanno aveva promesso, per conto di donna Suppolina Bonehore, di conservarlo indenne, e anche dello scioglimento dall'obbligo che Ginolo si era assunto di far sposare uno dei suoi figli con una delle figlie di Ugolino Bonehore (ARMANNI I B 12, cc. 83r-84v)*.

*I documenti compresi sotto l'indicazione archivistica I B 12-13-14-15 sono trascrizioni, in genere sintetiche, ad opera dell'erudito secentesco Primoli; in questo caso, il testo è stato reso in modo poco chiaro.

 

100.27 - 1292. Ugolino d. Brunamontis de Sciole è tra i testimoni [?] alla nomina del rettore dell'eremo de Virgiliano, nel territorio di Preggio, da parte dell'abbate di S. Bartolomeo di Camporeggiano (ARMANNI I B 14, c. 125r).

 

100.28 - 1293. Tra i confinanti di tre terreni in parrochia S. Andree de Certalto, Ugolino comes de Siole (MONTE ACUTO 1, cc. 117v-118r).

 

100.29 - 1293. Ugolino d. Brunamontis è testimone ad un atto; un altro rogito notarile è celebrato in domo comitum Siolis in quarterio S. Martini (ARMANNI I B 14, c. 108r).

 

100.30 - 1294. Frater Philippus, natus nobilis viri Barilis de Siolis*, nominato abbate di S. Bartolomeo di Camporeggiano per intervento del cardinale Pietro Colonna e per designazione del capitolo e del convento, chiede al priore di Fonte Avellana la conferma della sua elezione; tra i testimoni all’atto con cui Iacobus, priore claustrale di Fonte Avellana, effettua la conferma richiesta, dompnus Ventura de Siolis** (FONTE AVELLANA, 6, nn. 1344, 1349, 1350).

*Nipote di Filippo di Brunamonte, di cui ripete il nome?

*Fa anche lui parte della famiglia?

 

100.31 - 1294. Naldo comes q.Iacopucii d. Ranaldi comitis de Siole, residente in castro Certalti, conferma in enfiteusi a Bencivenne di Crispiano de Coseto [?], distretto di Montone, senza limitazioni, due terreni nella parrocchia di S. Benedetto de Coseto [?]; l'entratura è di 15 l., il c. annuo di un denaro (MONTE ACUTO 1, c. 155v).

 

100.32 - 1295. L’abbate di S. Salvatore di Monte Acuto conferma in enfiteusi a Naldus comes, filius nobilis viri Iacoputii comits de Certalto, cum pactis et conditionibus appositis in istrumento livelli olim concessi de castro Certalti, un terreno nelle pertinenze di Certalto; l’entratura è di 3 libre (MONTE ACUTO 1, c. 189r).

 

100.33 - 1295. Riguccio Tuti comes Siolis* è tra i confinanti di un terreno nella curia di Serra (ARMANNI 4 XXIV 6).

*Come si inserisce costui nella linea agnatizia della famiglia?

 

100.34 - 1297. Ugolino d. Brunamontis de Syolis, anche a nome dei suoi figli, acconsente alla vendita di un terreno in asio Veturine. Puccio, figlio del detto Ugolino, acconsente anche lui alla detta vendita.

 (ISTRUMENTI 2, c. 39rv. ARMANNI I B 13, c. 175rv).

 

100.35 - 1298. Riguccio e Guiduccio q.Tuctii de Syolis* promettono a Ferragallo di Ugolino del quartiere di S. Pietro di Gubbio di restituirgli 600 libre di denari ravennati e anconitani pretio quadrigentorum florenorum de puro auro de iusto et recto pondere; tra i testimoni, Ugolino de Syoli (ISTRUMENTI 2, c. 28r. ARMANNI I B 13, c. 186rv).

*Come si inseriscono costoro nella linea agnatizia della famiglia?

 

 


 

101

 

 

Domini di Somareggio, Gluxanum, Rocca S. Lucia

 

Perugia

 

 

 

I) Somareggio 

 

                                                    (Petruccio)

                                                             |

                                                             |

                                                  Deusteadiuvet

                                                         1215

 

                                                                                                     Rainerio

                      (Munaldo)                                                               q.1272                   

                              |                                                                             |                                 

                              |                                                     ____________|____________

                        Bartolo                                               |                        |                        |

                          1257                                                |                        |                        |

                             |                                           Bulgaruccio/     Munalduccio     Iacobuccio/Tanga

                             |                                           Iunius               <1257-1272>       <1257-1272>

                      Francesco                                  1272                                          

                   <1260-1272>

                             |

           _________|__________

          |                                       |

          |                                       |

  Corradello                        Biancolo

      1296                                1296

 

 

 

II) Gluxanum

 

 

                      (Stefano)                                (Pietro)                                         Bulgarello

                             |                                             | ______?______                        1257

                             |                                             |                           |

                      Leonardo                            Ugolinuccio         Bartuccio             Rainerio

                   <1251-1283>                              1257                   1251                    1283

                             |                                              |

                             |                                              |

                       Vagnolo                              Rainalduccio

                         1277                                       1283

                         

 

III) Rocca S. Lucia

 

 

                                                                    (Rogerio)

                                                                           |

                                                       __________|__________

                                                      |                                         |

                                                      |                                         |

                                               Rainerio                             Cavalca

                                           <1251-1276>                   <1257-1265?>

 

 

 

- Tratto in un'unica scheda questi nuclei signorili, in quanto spesso agiscono insieme e sono coinvolti in vicende comuni; è anche possibile che rappresentino diramazioni di un unico gruppo parentale e/o consortile.

 

 

101.1 - 1215. D. Deoteadiuvet de Somaregia filius Petrucii rilascia quietanza al comune di Assisi per 6 soldi a lui dovuti per il servizio militare prestato in favore del detto comune (ASCA, M1, c. 5v. FORTINI, III, pp. 590-591).

 

101.2 - 1251. D. Rainerio Rogerii/de Rocka, Leonardo de Glogiano/Cluçano e Bartuccio d. Petri* sono tra gli homines Gualdi che giurano la sommissione di quel comune a Perugia (CDP, pp. 516-518).

*Fratello dell’Ugolinuccio d. Petri de castro Glogiani menzionato nel 1257?

 

101.3 - 1256. Il Consiglio speciale e generale delibera di inviare ambasciatori a Gubbio e a Fabriano, affinchè questi comuni non debeant impedire nec aliquam molestiam facere comitibus de Somarezo et hominibus dicte terre, cum sit subiecta a Perugia (ANSIDEI, p. 17).

 

101.4 - 1256. Il Consiglio speciale e generale delibera che il capitano riunisca una commissione di sapientes che si occupino de facto Sasferati et de comitibus de Somarezo et de Gluxano, riportando in Consiglio le loro conclusioni (ANSIDEI, p. 19).

 

101.5 - 1256. Gli ambasciatori eugubini, a proposito di illi de Somarezo, affermano che il loro comune non ha alcuna intenzione di danneggiarli, anzi vuol essere in pace con loro (ANSIDEI, p. 28).

 

101.6 - 1256. Il rettore del ducato di Spoleto, nel revocare la scomunica e l’interdetto comminati al comune di Fabriano a causa dei fatti di Somareggio, esclude la questio dominorum de Valle Somarezia, videlicet de Somarezia, Glozano et Rocca Sancte Lucie inter comune Fabriani et nobiles memoratos quam, Deo dante, speramus amicabiliter terminare (LIBRO ROSSO, p. 20).

 

101.7 - 1257. D. Bartolo Munaldi, Munalduccio e Iacobuccio d. Rainerii de castro Somaregii; d. Rainerio e Cavalca d. Rogerii de Rocca S. Lucie; d. Bolgarello, d. Leonardo d. Stefani e Ugolinuccio d. Petri de castro Glogiani; Rainuccio d. Ranaldi de Mucia, giurano a Restoro di Bonaspene, capitaneus in valle Somaregii pro comune Perusii, stipulante per lo stesso comune, di tenere ad servitium et honorem e sotto la protezione e il dominio di esso i castelli di Somareggio, Glogianum, Rocca S. Lucia, Poggio Sorifa, Castiglione, Brescia e Lauretum e le loro giurisdizioni. Giurano ancora di far pace e guerra a volontà del comune e di non svolgere trattative finalizzate a porre i castelli in potere di altri, all'infuori del detto comune (SOMMISSIONI 1, c. 54v).

 

101.8 - 1260. Avendo comunicato d. Rainerio de Arce S. Lucie, Pietro di Castiglione e Munalduccio e Francesco de Somaregia al comune di Perugia che Enrico di Ventimiglia, vicario di re Manfredi, aveva chiesto loro di obbedire ai suoi ordini, il Consiglio speciale e generale delibera di inviare al detto vicario una lettera in cui si chiede di non aggravare in alcun modo i detti signori e di discutere la risposta in una seduta consiliare (ANSIDEI, pp. 188-89, 193, 196).

 

101.9 - 1260. Gli ambasciatori perugini che si recano a Fabriano pro facto d. Raynerii de S. Luzia, devono anche ringraziare questo comune per l'aiuto dato nel vittorioso assedio di Rocca d'Appennino (ANSIDEI, p. 197).

 

101.10 - 1260. Il Consiglio speciale e generale, discutendo super dampno dato, preda et iniuria illata hominibus de Nuceria per d. Raynerium de Rocha S. Lucie, delibera di inviare ambasciatori a Rainerio, se ce ne sono che devono andare da quelle parti, per ingiungergli di restituire il maltolto (ANSIDEI, p. 286).

 

101.11 - 1265. D. Villano e d. Cavalca*, ambasciatori del comune di Gualdo Tadino, si presentano al Consiglio speciale e generale perugino; il primo, prendendo la parola, retulit etiam conquerendo de comune Fabriani et de comuni Nucee, dicens quod dicta communia iniurabantur castellanum suum d. Raynerium Ruçerii et fratres et vasallos eorum, et quod volunt facere unam comunantiam in eorum dampnum et preiudicium, et etiam in dampnum et preiudicium Somareçii; quod si facerent, magna quantitas suorum subditorum recederent a servicio suo et comunis Perusii, euntes ibi ad habitandum. Unde postulant quod comune Perusii debeat taliter laborare quod dicta comunancia ad effectum nullatenus perducatur. Prende poi la parola Cavalca, il quale retulit similiter quod Nucerini, occasione suorum proditorum, cum illi de Fabriano volunt facere unam comunanciam in eorum et comunis Somarecii et comunis Perusii preiudicium et gravamen, et petunt quod comune Perusii debeat displicere, et quod debeant operari ita quod dictus locus fieri non debeat, quod si non facerent et se non abstinerent, petunt licentiam quod possint se cum aliis suis amicis prout melius poterent adiuvare. Il consiglio delibera, in risposta, di inviare ambasciatori a Fabriano (RIFORMANZE 6, c, 171rv).

*Dovrebbe trattarsi del fratello di d. Rainerio.

 

101.12 - 1266. Cum dicatur quod domini de Somareço velint vendere castrum de Somareço comuni Fabriani, quod castrum est de episcopatu Nucerie et districtu comunis Perusii, il Consiglio speciale e generale delibera di inviare ambasciatori che intimino a quel comune di non acquistare il castello; gli stessi ambasciatori dovevano anche invitare i Fabrianesi a lasciar libera Rocca d'Appennino (RIFORMANZE 6, cc. 33v-34r, 49rv).

 

101.13 - 1267. Nella seduta del 2 aprile del  Consiglio speciale e generale perugino prende la parola d. Rainerio de Rocha de S. Lucia, il quale afferma quod ipse et sui affectant quod comune Perusii habet plenum dominium in comitatu Nucee et quod ipse cum suis senper [così] voluerant honores comunis Perusii, sepius intollerabile dampnum sustinuerunt; et quia mandatum fuit ipsis a comune Perusii, noluerunt facere mandata regis, amiserunt fructus suarum possessionum de Marchia usque ad recoltam proximam preteritam iam est lungum tempus. Recitavit etiam quod d. Bartholomeus de Palatio, qui potestas est Nucee, quod non observat nec perinde comuni Perusii prout debet, transivit montem qui est inter Noceam et Rocham et venit in quoloquio cum ipso, et finaliter dixit quod volebat quod ipse et sui deberent in eum dimittere ad conciliandum discordiam que est inter ipsis et comune Nucee; quod si non faciet, minatus fuit eis quod faciet fieri iusta eos unam comunanciam, ita quod voluerit ibi venire etiam exemptus, quod si faceret omnes homines eorum amitterentur, ita quod non servirent ipsis nec comuni Perusii; hoc autem sic dito [così, sarà per “audito”], dixerunt ei quod volebre [così, sarà per “voluere”] consilium inter eos, et ita dedit ei terminum ad respondendum hinc ad diem lune proximum. Unde petit quod unus capitaneus pro comuni Perusii fiat in comitatu nucerino qui eis rescitet [?] et etiam quod dicat nucerinis et ipsis quod dimittant ipsam reconciliationem ad faciendum comuni Perusii. Postulabat etiam quod ambaxatores pro comuni debeant videre quos suam ambaxatam prout ei utile videbatur et cui placuerit ut predicta remaneant. Il Consiglio delibera di concedere a Rainerio due ambasciatori a spese del comune; sulle altre richieste, si decide di soprassedere.

Nove giorni dopo viene di nuovo proposto al Consiglio di deliberare super ambasciata retracta per d. Saracenum Berardi de Marsciano, ambaxatorem comunis Perusii, qui ivit ad Nuceam pro facto d. Rainerii de Rocha de S. Lucia. La questione viene demandata al capitano ed ai sapientes (RIFORMANZE 6, cc. 179v-180r, 184rv).

 

101.14 - 1269. Il Consiglio speciale e generale perugino viene chiamato a deliberare super eo quod comune Nucerii non venit nec missit sindicum aliquem sufficientem paratum facere mandatos capitanei et comunis Perusii et populi Perusii de discordia que stat et est inter ipsum comune Nucerii…et d. Rainerium delarocha et alios nobiles cives comitatus Perusii, cum pluries sint admoniti per nuntios et litteras comunis Perusii ut veniret [così] parere mandatis comunis Perusii et non venerunt nec misserunt sed precepta eiusdem penitus contempserunt. Si delibera, quasi all’unanimità [uno exceptato] di mettere in atto una spedizione militare contro i Nocerini, stabilendone i modi e i tempi; di tale spedizione ci si torna ripetutatenete ad occupare in altre successive sedute (RIFORMANZE 6, cc. 240v-241v, 254r-255r, 259rv).

 

101.15 - 1272. Il comune di Fabriano costituisce un procuratore per stipulare un accordo con Munalduccio, Iacopuccio qui alias vocatur Tanga, e Bulgaruccio qui alias vocatur Iunius, filii q.d. “Naymerii” [sarà “Rainerii”], e Francesco d. Bartoli, domini castri Somaregie. Si tratta di un testo molto lungo, che tratta in particolare delle condizioni previste per la sommissione dei signori e dei rapporti con i loro homines, molti dei quali risultano essere immigrati a Fabriano, cosa che aveva provocato disordini e conflitti. Tra le altre cose, si stabilisce che, nel caso che aliquis de hominibus et vasallis dominorum Rocce Sancte Lucie et Cluzani vellent effici castellani dicti comunis Fabriani, il detto comune non li dovrà adiuvare riguardo ai beni immobili posti nella curia dei detti castelli di Rocca S. Lucia e Cluzanum (LIBRO ROSSO, pp. 381-395).

 

101.16 - 1276. Il Consiglio speciale e generale del comune di Perugia permette a Rainerio de Rocha di accettare la podesteria di Rocca Contrada a cui è stato eletto (RIFORMANZE 8, c. 76r).

Si delibera di inviare ambasciatori, alcuni a Rocca S. Lucia ed altri ai signori de Clixano, in seguito alla discordia tra questi ultimi e Rainerio de Rocha (RIFORMANZE 3, c. 57v, 8, c. 80v).

In seguito alla relazione degli ambasciatori di cui sopra, il Consiglio speciale e generale delibera: di inviare altri due ambasciatori al comune di Camerino, per far sì che esso non faccia nulla contro i signori de Closano...cum ipsi domini sint cives perusini et in civitate Perusii de honorioribus [così] et de melioribus reputatis; di inviare ancora una comunicazione scritta ai detti signori de Closano e di Rocca S. Lucia nella quale, sotto pena di mille marche d'argento, li si inviti ad obbedire ai comandi del comune e a rimettere ad esso le controversie che hanno con alcuni cittadini perugini (RIFORMANZE 3, c. 59r, 8, c. 83r).

 

101.17 - 1277. D. Egidio Benedicti, della parr. di S. Andrea, è fideiussore di Vagnolo d. Leonardi de Nuçera, inquisito per porto di gorçera ferrea. D. Egidio depone anche come teste nell’ambito della detta inquisitio, affermando di conoscere il padre di Vagnolo, et iam pluries eum [patrem] vidit in dicta civitate Nucerii. Aggiunge pure che, quando Vagnolo era stato sorpreso dalla familia del podestà con la detta gorgera tunc paulo ante venerat in civitatem Perusii, et veniebat de Gloçano, districtus ducatus. Alla successiva domanda su come sapesse ciò, risponde quia moratur [il detto Vagnolo] cum quedam suo [di Egidio] çenero in dicto castro (PODESTÀ 1277 [10 b], reg. 5, cc. 9r-10r).

 

101.18 - 1282. Il comune di Perugia invia ambasciatori a Camerino in servitium dominorum de Glogiana, impiegandovi 24 libre (CAMERLENGHI 1, c. 136v).

 

101.19 - 1283. Rainerio, d. Leonardo e Rainalduccio Ugolini, tutti de Gloiano, ma compresi nella parr.di S. Antonio, sono condannati a 25 libre essendo tra coloro de civitate et comitatu Perusii quibus impositi fuerunt equos pro comuni non assignaverunt equos eis impossitos infra terminos eis datos ante exercitum et in ipso exercitu hoc anno facto contra Fulginates, et qui non fuerunt ad custodiam dicti exercitus…de nocte diei lune ultimi maii, et contra omnes alios et singulos…qui non fuerunt in ipso exercitu, in ipsis custodiis et si fuerunt et non steterunt a principio usque ad finem (CAPITANO 1283 II [7 b], reg. 4, c. 296r).

 

101.20 - 1285. I domini de Roccha S. Lucie sono allibrati per 2000 l., i domini de Glozano e de Somaregio per 1000 l. ciascuno; tutte e tre le famiglie sono censite tra quelle della parrocchia di S. Antonio di P. S. (LIBRA 1285, p. 234).

 

101.21 - 1287. Il podestà e il capitano, col consenso del Consiglio speciale e generale, nominano un procuratore che, a nome del comune, presenti una formale protesta al comune di Camerino, affinchè esso non osi acquistare dai domini di Gloxanum, Somaregium e Arx S. Lucie terreni ed edificare nei detti castelli. Il procuratore dovrà anche intimare ai detti signori di non alienare nè sottomettere in alcun modo i loro castelli e di presentarsi entro tre giorni al podestà e al capitano (RIFORMANZE 5, c. 258r).

 

101.22 - 1294. Avendo il comune di Nocera usurpato proditoriamente parte del castello di Somareggio, togliendolo ai suoi signori, il detto Consiglio delibera che i Nocerini debbano rendere a Perugia la proprietà sottratta certis dominis et partiariis, sotto pena di 1000 marche d'argento.

Non essendosi presentato alcun inviato del comune di Nocera per giustificare l'usurpazione, il banno contro di esso è portato a 10000 marche d'argento (RIFORMANZE 10, cc. 231rv e 239r-240v).

 

101.23 - 1295. In quisto millesimo...cavalcaro sopre la citade de Nocera C cavaliere de Peroscia; e quisto fo per lo castello de Somaregie (UGOLINI, pp. 163-164).

 

101.24 - 1296. [Il Consiglio speciale e generale rinnova il bando contro il comune di Nocera, che verrà tolto solo se entro quattro giorni la parte del castello di Somareggio occupata indebitamente verrà restituita] (RIFORMANZE 10, cc. 254v-255v).

 

101.25 - 1296.[Viene liquidato un compenso a un sindaco del comune perugino e a cinque boni homines designati uno per Porta pro dandis et concedendis casalinis hominibus volentibus ire ad abitandum ad castrum Somareçe] (MASSARI 35, c. 47rv).

 

101.26 - 1296. Rangonus Ottonelli accusa Corradello e Biancolo, fratres, filii Francisci de Somareçia, forenses, di averlo aggredito a mano armata insieme a quattro uomini di Postignano e a tre famuli del vescovo di Nocera, il fatto è avvenuto in territorio et districtu castri Collis Mincii in loco qui dicitur villa S. Savini de Larcane [?] (CAPITANO 1296-97 [21], reg. 5, cc. 102r-103r).

 

101.27 - 1298. [Il Consiglio speciale e generale nomina un sindaco per assegnare casalini in curia castri Somareggi a coloro che vi vogliono venire ad abitare] (RIFORMANZE 10, c. 342v).

 

 


 

102

 

 

 

 

Spada

 

Gubbio

 

 

                                                                 Guglielmo

                                                                   q.1071

                                                                         |

                                           _______________|_______________

                                          |                              |                              |

                                          |                              |                              |

                                      Azzo                    Tebaldo                 Adelasia

                                      1071                <1071-1084>                1071

                                                                         |

                         ________________________|________

                        |                                                                 |

                        |                                                                 |

             Amadore Ensis                                               Alerano

                    1086                                                   <1084-1086>

                        |                                                                 |      

                ____|____                   ___________________|________________?_______     

               |                 |                 |                                |                          |                           |

               |                 |                 |                                |                          |                           |

         Uberto      Rainerio     Ugolino                   Giovanni             Azzolino            Paladino

    Spadanellus/   1097     <1107-1127>                   1107                  1107                   1176

          Ensis                               |                                 |                          |                                                       

          1127                                |                     _____ |_____               ?

               |                                  |                      |                     |               |

               |                                  |                      |                     |               |

          Pietro                        Ottonolo        Bernardo       Donodeo    (Ugo)

     <1169-1176>                    1190            Spada             1167            |

               |                                  |           <1150-q.1167                          |

               |                                  |                     |                                      |

               |                                  |             ____|____                    _____|____ 

               |                                  |            |                 |                  |                   |  

               |                                  |            |                 |                  |                   | 

          Gaita                          Spada     Berto      Amadore    Amadore     Azolino

          1167                           1190      Spada-       1150          1176            1176

                                                 |          longa

                                                 |    <1167-1190>

                                                 |             |

                                                 |             |

                                            Salin-   Ubertino

                                            guerra     1202

                                             1202

 

 

102.1 - 1071. Tebaldo filius q.Guilielmi, col consenso della sorella Adelasia, vende a Giovanni di Domenico e a Leto e Benedetto di Pietro la parte sua e della sorella di una selva que dicitur Spiscia, ammontante a tre modioli e mezzo, al prezzo di 65 soldi; tra i confinanti, i venditori e Azzo Guilielmi, fratello dei venditori (CENCI, n. 30).

 

102.2 - 1084. Tebaldo filius q.Guilielmo, suo figlio Alaranus e sua moglie Boniza, insieme a Gemma, vedova del q. Beluzo, vendono alla canonica di S. Mariano la metà di due mansi, uno in Sarcita l'altro in fundo Martini,  e la metà di un molino; il prezzo è 100 soldi (CENCI, n. 48).

 

102.3 - 1086. Amadore Tebaldi filius dà in permuta al fratello Alerano la sua parte in castro nostro de Podiolo, quod acquisivit mater nostra de Ildebrando duce eius fratre, e un tenimentum terre...incipiendo a Colle S. Marie castro nostro usque ad castrum Collis Pamfilii; riceve in cambio dal fratello la sua parte di castrum Moniano, con le terre donicate et indonicate. Testimoni all'atto sono Alberto di Guido comes e Bentivoglio Ardegi comitis (CENCI, n. 53).

 

102.4 - 1097. Rainerio Amadoris vocati Ensis alio nomine, è testimone, insieme a Bernardo e Aldebrando comes, Rainerio di Rainerio iudex e a Rainaldo di Guelfone, ad una transazione tra la canonica di S. Mariano e Rainerio di Rainerio marchio riguardante il castrum di Colognola (CENCI, n. 67).

 

102.5 - 1107. In una deposizione di Pietro di Picotto e Todiscus di Pietro, rilasciata prope palatium Iohannis, Azolini et Ugolini filiorum Alerani, questi due testi riferiscono di essere stati presenti alla dichiarazione giurata di Dumanqua di Vico, che affermava di saper bene che tre uomini erano andati ad abitare in castrum Roncheri et dabant servitium ad Atildam filiam de Rainerio marchione et matrem de predictorum Azolino, Ugolo et Iohanne; questi tre uomini, secondo Dumanqua, erano donicati della canonica di S. Mariano e solo ad essa erano tenuti a facere servitium (CENCI, n. 82).

 

102.6 - 1127. Ugolino Alerani comitis e Uberto, dictus Spadanellus, Amadoris sono tra i testimoni ad un contratto di enfiteusi stipulato dal vescovo di Gubbio (CENCI, n. 110).

 

102.7 - 1150 Bernardo Iohannis comitis, dictus Spada, e suo figlio Amadore, insieme ad Aldotius di d. Panfilio, sono testimoni ad una transazione tra esponenti dei Guelfoni e la canonica di S. Mariano (CENCI, n. 222).

 

102.8 - 1167. Burga, vedova del q. Bernardo, insieme a suo figlio Berto e col consenso di Donodeo comitis Iohannis Alerani e di Gaita Petri Spadanelli, fa quietanza e transazione nelle mani di Richelocus, legato imperiale e di Zampolo console e alla presenza del vescovo Gualfredo, alla canonica di S. Mariano, a tutti i subiecti di essa e a tutti coloro che in assaltu necis filii mei [di Burga] fuere; riceve per questo 12 l. di infortiati (CENCI, n. 293).

 

102.9 - 1169. Tra i testimoni all'atto di donazione di Martino di Giovanni ad Armanno e Guido di Raimondo, Pietro filius Uberti Ensis dapo Serra (CENCI, n. 310).

 

102.10 - 1175. Paladino Alerani* è tra i testimoni ad un atto riguardante i Panfili (CENCI, n. 345).

*Figlio di Alerano di Tebaldo? La cosa è dubbia, stante la distanza cronologica tra i due.

 

102.11 - 1176. Ferronus di Azzo di Guido vende a Amadoro e a Azzolino filii Ugonis Azolini* un tenimentum terre...in Poczogemmolo; tra i confinanti, Pietro Uberti Spade; prezzo: 70 l. lucchesi (CENCI n. 349).

*Visto il nome Amadorus, tipico della stirpe, dovrebbero essere nipoti di Azzolino di Alerano di Tebaldo, figli di un Ugo non altrimenti documentato.

 

102.12 - 1190. In un elenco di tributi corrisposti da varie persone, non si sa a chi e a quale titolo, Ottonolo Ugolini comite, che deve 30 soldi et com[estiones?], Spada Octonoli Ugolini e Berto Spadalonga filius Bernardi (CENCI, n. 407).

 

102.13 - 1202. Ubertino Spadalonge è tra i testimoni perugini ad un patto di amicizia tra Perugia e Siena (CDP, p. 66).

 

102.14 - 1202. Un lodo arbitrale viene celebrato a Gubbio in domo Salinguerre Spade ante palatium episcopi (S. MARIANO XIV 7).